Passa ai contenuti principali

Il culto della Fede nella Regione Basilicata

Il culto della Fede
nella Regione Basilicata
Il turismo religioso in Regione Basilicata è poco sviluppato, in quanto manca una strategia complessiva e dove sono attivi dei percorsi, è il risultato di un progetto locale o di un effetto trascinamento, dovuto al contesto territoriale in cui si trovano, come nel caso delle Chiese Rupestri di Matera, o ai fedeli che si recano in pellegrinaggio (Madonna di Viggiano, San Rocco di Tolve, ecc. ), seppure, in questo ultimo caso, sia limitato soprattutto alle ricorrenze religiose. 

Molte sono le Chiese in Regione Basilicata che hanno una storia secolare, con un enorme potenziale turistico, ma, non essendoci una spinta né dal contesto, né dai pellegrini, sono confinate all’utilizzo da parte dei fedeli locali praticanti, e, nonostante ciò, si registrano, comunque, sporadiche presenze di qualche turista, spesso, però, senza alcun supporto cartaceo e/o multimediale sui luoghi che si stanno visitando. 

Il progetto si pone l’obiettivo di promuovere e favorire il turismo religioso in Regione Basilicata, predisponendo e rendendo fruibili i relativi percorsi turistici possibili, consentendo a tutti i soggetti interessati di reperire agevolmente le informazioni necessarie per accedere alle visite, tramite la consultazione di canali internet dedicati (blog, facebook, youtube, maps, earth, altro), realizzando delle reti online interattive delle comunità religiose lucane. 

Le singole parrocchie, anche quelle non inserite nei percorsi turistici, potranno, tramite questi strumenti, comunicare direttamente nel web tutte le informazioni che riterranno opportune, ad iniziare dalle eventuali iniziative, sociali e culturali, con la possibilità di poter attivare anche una propria presenza autonoma. 

In questo modo, si darà anche un seguito alla volontà di Papa Benedetto XVI, che in occasione della chiusura del convegno "Testimoni digitali. Volti e linguaggi nell’era crossmediale", organizzato in Vaticano, nel quale sono intervenuti i massimi vertici della Cei e le competenti autorità vaticane, ha dichiarato: “Senza timori vogliamo prendere il largo nel mare digitale per abitarlo con «cuore credente, tentando di dare un’anima al flusso incessante della rete”. 

Pertanto, con l’avvio di questo progetto, sarà possibile, per le parrocchie interessate, proiettarsi nel mondo virtuale emergente della rete internet, dando nuova linfa, fiducia e speranza alle tante anime, abbandonate al loro destino, che non sempre si riescono ad intercettare con i metodi tradizionali.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

MAGGIO 2018

Il mese di maggio si annuncia come un mese di riflessione e preghiera per il laicato potentino. Numerose le iniziative in programma.
Domenica 29 aprile con inizio alle ore 16,00 presso il monastero delle Clarisse in c.da Botte, padre Pietro Anastasi Assistente della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, presenterà, l’ultima Esortazione Apostolica di Papa Francesco Gaudete et exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.
Inoltre tutti i sabato di maggio, sul sagrato della centrale chiesa di San Michele Arcangelo con inizio alle ore 20,30 sarà proposta (come già lo scorso anno) la recita pubblica del Santo Rosario.
Inoltre nella notte del 5 maggio si rinnoverà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna diFonti (Tricarico) con partenza alle ore 2,00 dalla chiesa di San Rocco e arrivo al Santuario alle 13,00.
Nelle intenzioni degli organizzatori tutte queste iniziative, rappresenteranno altrettanti momenti di avvicinamento e preparazione …