Passa ai contenuti principali

L’ “esplosione” odierna del tempo libero


Oggi, cambiando i ritmi lavorativi e aumentando la disponibilità anche finanziaria per gli aspetti al di là della “sopravvivenza”, il tempo libero è esploso come un fenomeno sempre più grande e presente nella nostra vita, sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. 

Inoltre per molte persone esso sta diventando l'unico spazio in cui esse cercano una certa quale realizzazione, visto il sempre minore significato “realizzante” del lavoro e della carriera, e in genere di tutti gli altri momenti della vita (famiglia compresa). 

Questo è particolarmente vero per i giovani che, senza più progetti di studio o lavoro, né ideali politici o sociali, e sempre più distaccati da famiglia e comunità religiosa (che li coinvolgono infatti sempre meno), si tuffano nel tempo libero come àncora di salvezza. 

Ma è anche vero che gli anziani, liberi ormai da doveri professionali e spesso anche di famiglia, diventano i “professionisti” del tempo libero, anche se sovente, non preparati prima, non sanno usarlo e lo “perdono” con frequenti sensi di noia e frustrazione. 
Si può dunque dire che il “tempo libero”, almeno nella sua forma attuale, è una creazione della nostra civiltà post-industriale. Pensato come una conseguenza del maggior benessere raggiunto, in realtà presenta numerosi problemi, e altri si prevede ne creerà nel futuro. 

Infatti le grandi potenzialità che esso ha sono state subito intuite e “catturate” da una vera e propria industria nata ad hoc, e trasformate in oggetto di consumismo ed edonismo. Inoltre il tempo libero, contrapposto al resto della vita, diventa una forma di fuga, di pura evasione, che non solo non aiuta l'uomo a realizzarsi, ma anzi lo allontana dalla sua vita reale, e anche dalla sua famiglia e dalla sua comunità religiosa. Sono aspetti che vedremo meglio più sotto. 

La Chiesa, dal canto suo, non ha ancora saputo reagire fino in fondo a questo nuovo fenomeno, anche perché si trovava un po' disarmata, con una teologia negativa verso le realtà terrene soprattutto se piacevoli. 

Si tratta perciò prima di tutto di riscoprire il significato profondo, umano e cristiano, di questa dimensione.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA

Venerdì 9 giugno i responsabili del laicato cattolico della Diocesi di Potenza, e gli iscritti e simpatizzanti della Scuola Diocesana di Formazione all’Impegno Sociale e Politico, si danno appuntamento a Potenza alle ore 17:00, presso la Casa del Volontariato, in via Sicilia (ex sede Ipias) per un convegno sul tema: VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA, NUOVE IDEE E BUONE PRASSI PER INNOVARE LE POLITICHE URBANE.
L’iniziativa della Consulta delle Aggregazioni Laicali e dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, vuol essere anche un momento di studio offerto ai politici e agli amministratori locali con l’obiettivo di rilanciare la famiglia come elemento centrale nella società. 
Dopo il saluto di s.e. Salvatore Ligorio Arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo e del presidente di ANCI Basilicata Salvatore Adduce, la relazione sarà sviluppata dal dott. Roberto Bolzonaro, uno dei massimi esperti in materia di politiche familiari, attualmente membro dell’Osservatorio Nazionale su…

PEREGRINATIO RELIQUIA S. CHIARA

Le Clarisse di Potenza ed i Frati Minori Prov. Salernitano-Lucana ed i Parroci di Potenza, hanno predisposto un intenso programma per la "Peregrinatio della Reliquia di Santa Chiara.
Domenica 27 Marzo, alle ore 18:00 presso la Cattedrale di Potenza, ci sarà l'accoglienza della Reliquia di Santa Chiara proveniente da Assisi, con la Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Mons. Agostino Superbo, Arcivescovo Metropolita di Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo.
Maggiori informazioni:
Monastero Clarisse Santa Chiara C.da Botte - Potenza Tel. 0971.945036 clarissebasilicata@virgilio.it
Convento Frati Minori Santa Maria del Sepolcro Piazza A. Moro - Potenza Tel. 0971.36838 anastasin@libero.it
Scarica il programma completo