Passa ai contenuti principali

L’ “esplosione” odierna del tempo libero


Oggi, cambiando i ritmi lavorativi e aumentando la disponibilità anche finanziaria per gli aspetti al di là della “sopravvivenza”, il tempo libero è esploso come un fenomeno sempre più grande e presente nella nostra vita, sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. 

Inoltre per molte persone esso sta diventando l'unico spazio in cui esse cercano una certa quale realizzazione, visto il sempre minore significato “realizzante” del lavoro e della carriera, e in genere di tutti gli altri momenti della vita (famiglia compresa). 

Questo è particolarmente vero per i giovani che, senza più progetti di studio o lavoro, né ideali politici o sociali, e sempre più distaccati da famiglia e comunità religiosa (che li coinvolgono infatti sempre meno), si tuffano nel tempo libero come àncora di salvezza. 

Ma è anche vero che gli anziani, liberi ormai da doveri professionali e spesso anche di famiglia, diventano i “professionisti” del tempo libero, anche se sovente, non preparati prima, non sanno usarlo e lo “perdono” con frequenti sensi di noia e frustrazione. 
Si può dunque dire che il “tempo libero”, almeno nella sua forma attuale, è una creazione della nostra civiltà post-industriale. Pensato come una conseguenza del maggior benessere raggiunto, in realtà presenta numerosi problemi, e altri si prevede ne creerà nel futuro. 

Infatti le grandi potenzialità che esso ha sono state subito intuite e “catturate” da una vera e propria industria nata ad hoc, e trasformate in oggetto di consumismo ed edonismo. Inoltre il tempo libero, contrapposto al resto della vita, diventa una forma di fuga, di pura evasione, che non solo non aiuta l'uomo a realizzarsi, ma anzi lo allontana dalla sua vita reale, e anche dalla sua famiglia e dalla sua comunità religiosa. Sono aspetti che vedremo meglio più sotto. 

La Chiesa, dal canto suo, non ha ancora saputo reagire fino in fondo a questo nuovo fenomeno, anche perché si trovava un po' disarmata, con una teologia negativa verso le realtà terrene soprattutto se piacevoli. 

Si tratta perciò prima di tutto di riscoprire il significato profondo, umano e cristiano, di questa dimensione.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Presenta FEDx

FEDx è l’acronimo di Fondi Europei Diretti, ovvero i finanziamenti a fondo perduto, dal 70% al 100%, che la Commissione Europea rende disponibili ai soggetti pubblici, associazioni, imprese, ricercatori, privati e cittadini, per raggiungere gli obiettivi approvati.
Questa tipologia di finanziamenti a fondo perduto, sono spesso confusi con i fondi europei gestiti dallo Stato e dalle Regioni, tanto da non essere conosciuti, come certificano anche i dati sul numero dei partner europei interessati a presentare proposte di attivazione, x accedere alle agevolazioni previste dai singoli Fondi Europei Diretti.
Considerato che x attivare un Fondo Europeo Diretto sono necessari almeno 3 partner in Stati europei differenti, si comprende, anche grazie alle elaborazione grafiche , che il numero potenziale dei progetti candidabili è molto basso, x alcuni anche di poche unità, sempre che tutti riescano a creare la compagine e ad inviare la richiesta di finanziamento.
La Borsa Europea www.fedx.it co…

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

L'Associazione dei Portatori del Santo di Potenza nella Cattedrale di San Gerardo a Potenza

Il 4 maggio 2012 due scolaresche della scuola elementare di Piazza XVIII Agosto 1860 di Potenza hanno visitato la Cattedrale di San Gerardo a Potenza.
L'iniziativa è nata da una collaborazione fra l'Associazione Portatori del Santo di Potenza, impegnata da molti anni ad incontrare gli studenti per sensibilizzare le nuove generazioni potentine sulla storia di San Gerardo, e l'Ufficio diocesano per la Pastorale del Turismo dell'Arcidiocesi di Potenza. 
L'idea, che oggi si è materializzata, è stata quella di portare i bambini direttamente nella Cappella di San Gerardo, dove i Portatori del Santo hanno distribuito ed illustrato un opuscolo sulla vita del Patrono della Città di Potenza.
Si è colta questa occasione per far conoscere anche la Cattedrale di Potenza, seguendo il percorso spirituale, predisposto da questo Ufficio.
Il Vescovo dell'Arcidiocesi, S.E. Mons. Agostino Superbo, ha dato la sua benedizione ai bambini ed a tutti i presenti, davanti la tomba di Mo…