Passa ai contenuti principali

“Cristo è Risorto! Alleluia, Alleluia!”

Messaggio del Direttore dell'Ufficio diocesano per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport

La liturgia della notte di Pasqua si apre con il rito suggestivo della luce. La Chiesa passa progressivamente dal buio alla luce.

Il cero pasquale, la luce che viene dal Cristo Risorto, attraversando la navata centrale diventa fonte di illuminazione per chi attinge da esso il fuoco per accendere la propria candela.

Da un’unica luce, che pian piano si fa spazio nel buio, tutta la Chiesa viene invasa dalla luce delle piccole candele.

Il passaggio di Gesù, dalla morte alla vita, da questo mondo al padre, illumina ogni uomo nel suo cammino di fede, la nostra fede. Fede che non consiste solo nel conoscere fatti o nozioni ma soprattutto riconoscere Gesù vivo, presente nella nostra vita e seguirlo nella strada che Lui ci indica.
I discepoli di Emmaus che stanno ritornando a casa con il cuore pieno di amarezza e delusione per la morte di colui nel quale avevano riposto le loro speranze, davanti a Gesù, che non riconoscono, manifestano tutta la loro cecità. In realtà essi dovrebbero coltivare almeno una speranza perché alcuni testimoni dicono che sia risorto, ma non vengono creduti.

Così ciascuno di noi può parlare della risurrezione e riferirla come un fatto accaduto, ma esserne distante, non coinvolto perché immerso nel buio della sofferenza. Gesù poco alla volta illumina e infiamma il cuore dei due discepoli mostrando loro che la croce è il gesto più grande di amore di Dio. Dalle piaghe di Gesù si sprigiona la luce dell’amore, l’acqua dello Spirito Santo che dove giunge risana. 

Il credente può associare l’immagine del pane che si spezza a quella del costato aperto da cui esce sangue ed acqua. Dal cuore di Cristo viene la luce dell’amore, lo Spirito Santo, che fa passare dal buio alla luce e si aprono gli occhi per riconoscerlo come il “mio Dio”. 

Non dimentichiamo che la nostra fede si basa sulla testimonianza di coloro che lo hanno visto, gli Apostoli, quindi nel credere ad una testimonianza per vedere Cristo Risorto e così avere fede nella sua risurrezione. In fin dei conti possiamo dire che il rapporto con Gesù si basa su un gioco oscillante fra fede e visione. Più vediamo Gesù, più cresciamo nella fede, più abbiamo fede più contempliamo il Suo volto. Come non pensare, quindi, all’esempio di fede per eccellenza: l’Eucarestia. Dinanzi all’Ostia siamo messi in una situazione paradossale, vediamo qualcosa di materiale apparentemente innocuo, semplice, ma grazie alla fede vediamo in quel piccolo pezzo di pane il Corpo di Cristo Risorto. 

Questa manifestazione gloriosa di Cristo ci sia di aiuto e di sprono per la vita quotidiana affinché anche noi possiamo risorgere a vita nuova, e ci faccia capire come solo con un semplice gesto di fede, di totale fiducia in un racconto si possa incontrare Gesù nella nostra vita, vederlo risorto e adorarlo nella santissima Eucarestia. 

Prendiamo sempre più consapevolezza che il giorno santissimo di Pasqua, noi festeggiamo il Risorto, Cristo Gesù! 

Invochiamo quindi il Signore, la Luce vera che illumina ogni uomo, e diciamo nella nostra quotidiana preghiera: “È in te la sorgente della luce, alla tua luce vediamo la luce” (sal 36,10).

Don Pierluigi

Commenti

Partner tecnico :

  • Assistenza Anziani H24 - Gli iscritti possono attivare l'assistenza H24 per gli anziani, con vitto e alloggio, da parte di una badante certificata dall'Associazione ASSI.
  • FINANZIAMENTI EUROPEI - Sono numerose le call disponibili, tuttavia, il territorio non sempre è nella condizione di poterle intercettare e provare ad attivare nuove iniziative. T...
  • INNOVAZIONE TECNOLOGICA E CULTURALE - La tecnologia Google consente la facile introduzione di numerose innovazioni tecnologiche e culturali, tuttavia, una serie di fattori, che possiamo anche d...
  • IDEE STARTUP - Abbiamo definito 7 asset strategici per avviare numerose idee startup, con un grado di sviluppo differente, anche in funzione delle maggiori o minori resi...

contenuti popolari...

Altare principale Cattedrale di San Gerardo Potenza

L’altare di Santa Maria Assunta è stato realizzato da Bastelli Giuseppe nel 1739, ai lati fanno da corona scene del vangelo, dipinte ad olio e tempera su maschite dal pittore Onofrio Bramante nel 1980.
Salendo sull'altare, sulla sinistra è possibile vedere, in alto la scena della pesca miracolosa, in basso le beatitudini. Sulla destra, invece, in alto la crocifissione di Gesù, in basso Gesù che dividi il pane con gli apostoli.
La prima scena del vangelo rappresentata nell'abside, cominciando da sinistra, raffigura un Angelo, tenuto conto della vicinanza alla seconda, quella della natività, è riferita all’angelo che ha annunziato a Maria il concepimento di Gesù.
La terza scena rappresenta la strage degli innocenti, in cui Erode il Grande, re della Guidea, ordina un massacro di bambini allo scopo di uccidere Gesù, della cui nascita a Betlemme era stato informato dai Magi.
La quarta è la presentazione di Gesù al tempio, un episodio dell’infanzia di Gesù. Maria e Giuseppe portaro…

VIA CRUCIS DELLA FAMIGLIA 31 marzo 2017

Si svolgerà venerdì 31 marzo la Via Crucis cittadina organizzata dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali dell’Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo. L’iniziativa, presieduta dall’Arcivescovo mons. Salvatore Ligorio, avrà inizio dal Largo di Santa Lucia alle 17,30 e raggiungerà la Cattedrale intorno alle 19,00.  Attraverso le tradizionali “Stazioni” previste lungo via Pretoria, in Piazza Mario Pagano, Piazza Matteotti, Piazzetta Maffei, Largo Pignatari e Largo Duomo, saranno ripercorse idealmente le tappe dell’estremo sacrificio del Cristo, proponendo una parallela riflessione sulle croci fisiche e morali di cui sono oggi caricate le famiglie di oggi. Da quelle più intime e quotidiane, frutto del difficile accordo tra i coniugi, o delle preoccupazioni per la crescita e il futuro dei figli; fino a quelle provocate dalla disattenzione delle istituzioni che non sostengono la famiglia nel sempre più difficile compito di generazione, educazione, cura della vita e delle relazio…