Passa ai contenuti principali

“Cristo è Risorto! Alleluia, Alleluia!”

Messaggio del Direttore dell'Ufficio diocesano per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport

La liturgia della notte di Pasqua si apre con il rito suggestivo della luce. La Chiesa passa progressivamente dal buio alla luce.

Il cero pasquale, la luce che viene dal Cristo Risorto, attraversando la navata centrale diventa fonte di illuminazione per chi attinge da esso il fuoco per accendere la propria candela.

Da un’unica luce, che pian piano si fa spazio nel buio, tutta la Chiesa viene invasa dalla luce delle piccole candele.

Il passaggio di Gesù, dalla morte alla vita, da questo mondo al padre, illumina ogni uomo nel suo cammino di fede, la nostra fede. Fede che non consiste solo nel conoscere fatti o nozioni ma soprattutto riconoscere Gesù vivo, presente nella nostra vita e seguirlo nella strada che Lui ci indica.
I discepoli di Emmaus che stanno ritornando a casa con il cuore pieno di amarezza e delusione per la morte di colui nel quale avevano riposto le loro speranze, davanti a Gesù, che non riconoscono, manifestano tutta la loro cecità. In realtà essi dovrebbero coltivare almeno una speranza perché alcuni testimoni dicono che sia risorto, ma non vengono creduti.

Così ciascuno di noi può parlare della risurrezione e riferirla come un fatto accaduto, ma esserne distante, non coinvolto perché immerso nel buio della sofferenza. Gesù poco alla volta illumina e infiamma il cuore dei due discepoli mostrando loro che la croce è il gesto più grande di amore di Dio. Dalle piaghe di Gesù si sprigiona la luce dell’amore, l’acqua dello Spirito Santo che dove giunge risana. 

Il credente può associare l’immagine del pane che si spezza a quella del costato aperto da cui esce sangue ed acqua. Dal cuore di Cristo viene la luce dell’amore, lo Spirito Santo, che fa passare dal buio alla luce e si aprono gli occhi per riconoscerlo come il “mio Dio”. 

Non dimentichiamo che la nostra fede si basa sulla testimonianza di coloro che lo hanno visto, gli Apostoli, quindi nel credere ad una testimonianza per vedere Cristo Risorto e così avere fede nella sua risurrezione. In fin dei conti possiamo dire che il rapporto con Gesù si basa su un gioco oscillante fra fede e visione. Più vediamo Gesù, più cresciamo nella fede, più abbiamo fede più contempliamo il Suo volto. Come non pensare, quindi, all’esempio di fede per eccellenza: l’Eucarestia. Dinanzi all’Ostia siamo messi in una situazione paradossale, vediamo qualcosa di materiale apparentemente innocuo, semplice, ma grazie alla fede vediamo in quel piccolo pezzo di pane il Corpo di Cristo Risorto. 

Questa manifestazione gloriosa di Cristo ci sia di aiuto e di sprono per la vita quotidiana affinché anche noi possiamo risorgere a vita nuova, e ci faccia capire come solo con un semplice gesto di fede, di totale fiducia in un racconto si possa incontrare Gesù nella nostra vita, vederlo risorto e adorarlo nella santissima Eucarestia. 

Prendiamo sempre più consapevolezza che il giorno santissimo di Pasqua, noi festeggiamo il Risorto, Cristo Gesù! 

Invochiamo quindi il Signore, la Luce vera che illumina ogni uomo, e diciamo nella nostra quotidiana preghiera: “È in te la sorgente della luce, alla tua luce vediamo la luce” (sal 36,10).

Don Pierluigi

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Assemblea Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali

Anche voi, dunque, alzate lo sguardo e guardate ‘fuori’, guardate   ai molti ‘lontani’ del nostro mondo, alle tante famiglie in difficoltà e bisognose di misericordia, ai tanti campi di apostolato ancora non esplorati … Abbiamo bisogno di laici ben formati, animati da una fede schietta e limpida, la cui vita è stata toccata dall’incontro personale e misericordioso con l’amore di Cristo Gesù.
Abbiamo bisogno di laici che rischino, che si sporchino le mani, che non abbiano paura di sbagliare, che vadano avanti. Laici con visione del futuro, non chiusi nelle piccolezze della vita … Laici col sapore di esperienza della vita, che osano sognare”. Papa Francesco, 17.6.2016 Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per i Laici
Carissimi amici e fratelli nel Signore, domenica 25 novembre vivremo, come ogni anno, la festa di Cristo Re, stringendoci attorno al nostro Pastore.
Questo il programma dell’Assemblea, che avrà come tema conduttore ispirato al desiderio di Papa Francesco: Percorrere …

Finanziamenti Turismo Culturale

Le varie forme di turismo culturale in Europa sono importanti motori di crescita, occupazione e sviluppo economico delle regioni europee e delle aree urbane.
Inoltre, contribuiscono, guidando la comprensione interculturale e lo sviluppo sociale in Europa attraverso la scoperta di vari tipi di patrimonio culturale, alla comprensione delle identità e dei valori delle altre persone.
Tuttavia, sebbene il turismo culturale per sua natura inviti la cooperazione regionale e locale transfrontaliera, il suo pieno potenziale di innovazione a tale riguardo non è ancora del tutto esplorato e sfruttato. Il livello di sviluppo del turismo culturale tra alcune regioni e alcuni siti è ancora squilibrato, con aree remote, periferiche o deindustrializzate che restano indietro, mentre aree ad alta domanda vengono sovrasfruttate in modo insostenibile. Le proposte dovrebbero valutare in modo comparativo in che modo la presenza, lo sviluppo, il declino o l'assenza del turismo culturale abbiano influen…

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …