Passa ai contenuti principali

Essere Sacerdoti Oggi: un incontro organizzato dalla Sezione Lucana del Centro Studi Erasmo da Rotterdam


Programma dei lavori:

Testimonial: Don Dino Lasalvia 

Ore 18.15 - Presentano:
Antonella Sofi - Angela Granata 

Introduce
Francesco Nacci, 
Presidente sez. lucana del Centro Studi 

Coordina
Beniamino Calvello
Presidente Serra International Club 

Comunicazione
Marilena Caggiano, Francesco Fasolino


Dibattito

Concludono:

Mario Bochicchio e le Sue Vignette - Salvatore Accardo e le Sue Poesie 

Parteciperà all’incontroMario Ferracuti, Presidente Nazionale 

L'incontro si terrà a Potenza Sabato 9 Aprile 2011
dalle ore 18:00 alle ore 20:00
nella Sala del Campanile - Palazzo Loffredo

Spunti di riflessione del Presidente Nazionale:


Cari Amici dell’Erasmo,
questa volta avete scelto un tema, per me, difficile: sia per la impossibilità di trattarlo in modo adeguato sia per la natura della sua funzione.

La parola Sacerdote fa riferimento all’etimo “sacer”, ossia il “consacrato alla divinità” e si contrappone al termine profanum, “che sta innanzi”, fuori dal tempio.

Mentre il termine Prete fa riferimento al greco prèsbyteros , il presbitero, l’anziano ministro del culto.

Senza scomodare l’enfasi della cultura ecclesiastica sulla natura e funzione del Sacerdote, è bene ricordare il pensiero di Rudolf Otto che analizza, ne Il Sacro, l’esperienza umana del “sacro” indicata come mysterium tremendum dinanzi alla immensa grandezza di Dio e la pochezza dell’uomo e mysterium fascinans per il suo straordinario fascino che va al di là dell’umano e del cosmico.

La vita del Sacerdote è totalmente dentro questi due “misteri”:sospensione tra cielo e terra, tra grandezze ultra cosmiche e piccolezze dell’umano.

L’auspicio è che il Sacerdote senta come vocazione fondamentale la volontà di testimoniare una fede liberante nel Dio fascinoso.

Mario Ferracuti

Note biografiche 
  
Don Dino Lasalvia 
Sacerdote, Docente di Storia della Chiesa presso l’Istituto Teologico del Seminario Maggiore di Potenza,
Direttore dell’Archivio Diocesano. 




Organizzatori:


Mario Ferracuti, Presidente Nazionale
Francesco Nacci, Presidente sezione lucana

Gruppo di Coordinamento:

Angela Granata,Coordinatrice
Giuseppe Panni, Tesoriere
Beniamino Calvello
Francesco Fasolino
Luisa Giustardi
Mariella Granata
Rosetta Graziadei
Claudette Piras

Tutti i soci Vi invitano e Vi ringraziano

Centro Studi
Erasmo da Rotterdam
Sezione Lucana

In collaborazione con
SERRA INTERNATIONAL CLUB POTENZA

Con il Patrocinio di

PROVINCIA DI POTENZA
Assessorato alla Pubblica Istruzione e Edilizia Scolastica

Distretto Scolastico N.2 Potenza

Comune di Tito

Comune di S. Mauro Forte (Mt)

La “Persona” nelle Professioni

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA

Venerdì 9 giugno i responsabili del laicato cattolico della Diocesi di Potenza, e gli iscritti e simpatizzanti della Scuola Diocesana di Formazione all’Impegno Sociale e Politico, si danno appuntamento a Potenza alle ore 17:00, presso la Casa del Volontariato, in via Sicilia (ex sede Ipias) per un convegno sul tema: VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA, NUOVE IDEE E BUONE PRASSI PER INNOVARE LE POLITICHE URBANE.
L’iniziativa della Consulta delle Aggregazioni Laicali e dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, vuol essere anche un momento di studio offerto ai politici e agli amministratori locali con l’obiettivo di rilanciare la famiglia come elemento centrale nella società. 
Dopo il saluto di s.e. Salvatore Ligorio Arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo e del presidente di ANCI Basilicata Salvatore Adduce, la relazione sarà sviluppata dal dott. Roberto Bolzonaro, uno dei massimi esperti in materia di politiche familiari, attualmente membro dell’Osservatorio Nazionale su…

Chiesa S.S. Anna e Gioacchino a Potenza

Il terremoto del 23 Novembre 1980 ha reso necessari i lavori di ristrutturazione della chiesa che era stata inaugurata il 23 dicembre 1956.
Per l’occasione si è inteso rielaborare gli spazi e disegnare le vetrate sulla base della riflessione conciliare del Vaticano II.
Il Vaticano II, infatti, ha orientato la Chiesa alla lettura dei segni dei tempi e del territorio quali dimensioni teologiche dell’interpretazione e della realizzazione del Regno di Dio.