Passa ai contenuti principali

XIII Settimana della Cultura - 9/17 aprile 2011

Intervento del Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Basilicata: Attilio Maurano .

L’appuntamento annuale, che per fortuna non si è ancora trasformato in uno stanco rituale, con la Settimana della Cultura, rappresenta l’occasione per sottolineare i risultati del lavoro che, quotidianamente, viene compiuto dalle strutture del Ministero e dagli Enti e Associazioni impegnati nel settore.

Uno dei punti focali del programma è l’apertura del Museo Diocesano di Matera. Lo splendido Museo, che offrirà ai visitatori una delle raccolte di oggetti sacri più interessanti della regione è stato allestito dalla Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici, con la preziosa collaborazione della Soprintendenza per i Beni storici artistici ed etnoantropologici.

L’evento ha in sé valenze significative che vanno oltre la semplice apertura: è frutto di una politica culturale dell’Ente Regione che ha finanziato una serie numerosa di musei diocesani (è stato da poco inaugurato quello di Potenza e prima dell’estate sarà aperto quello di Melfi), della generosità delle Curie nel rendere fruibile un patrimonio sinora riservato ai momenti di culto solenne, del lavoro dei funzionari del Ministero che hanno, nel corso degli anni, superato difficoltà e incomprensioni.

Un altro aspetto peculiare del costante lavoro di tutela è illustrato dalla mostra “Il patrimonio recuperato. Due vasi del pittore di Amykos e la produzione figurativa del Metapontino” che presenta i risultati delle attività di contrasto alla predazione, da parte di malavitosi, di parti significative del nostro patrimonio, svolte dai funzionari e dai carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale. I due vasi del pittore di Amykos recuperati sono solo una piccola parte di quanto si riesce a ritrovare e recuperare, spesso in istituzioni estere che con i loro incauti acquisti alimentano il mercato clandestino e privano il Paese di preziosi reperti.

Similmente biblioteche ed archivi offrono accattivanti finestre sui risultati del loro lavoro.

L’adesione di Associazioni ed Enti, che nel corso degli anni sono protagonisti di significative partecipazioni alla Settimana, rassicura circa la validità di una iniziativa che attira l’interesse di tutti quelli che hanno a cuore la valorizzazione del nostro patrimonio culturale.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

MAGGIO 2018

Il mese di maggio si annuncia come un mese di riflessione e preghiera per il laicato potentino. Numerose le iniziative in programma.
Domenica 29 aprile con inizio alle ore 16,00 presso il monastero delle Clarisse in c.da Botte, padre Pietro Anastasi Assistente della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, presenterà, l’ultima Esortazione Apostolica di Papa Francesco Gaudete et exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.
Inoltre tutti i sabato di maggio, sul sagrato della centrale chiesa di San Michele Arcangelo con inizio alle ore 20,30 sarà proposta (come già lo scorso anno) la recita pubblica del Santo Rosario.
Inoltre nella notte del 5 maggio si rinnoverà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna diFonti (Tricarico) con partenza alle ore 2,00 dalla chiesa di San Rocco e arrivo al Santuario alle 13,00.
Nelle intenzioni degli organizzatori tutte queste iniziative, rappresenteranno altrettanti momenti di avvicinamento e preparazione …

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …