Passa ai contenuti principali

XIII Settimana della Cultura - 9/17 aprile 2011

Intervento del Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Basilicata: Attilio Maurano .

L’appuntamento annuale, che per fortuna non si è ancora trasformato in uno stanco rituale, con la Settimana della Cultura, rappresenta l’occasione per sottolineare i risultati del lavoro che, quotidianamente, viene compiuto dalle strutture del Ministero e dagli Enti e Associazioni impegnati nel settore.

Uno dei punti focali del programma è l’apertura del Museo Diocesano di Matera. Lo splendido Museo, che offrirà ai visitatori una delle raccolte di oggetti sacri più interessanti della regione è stato allestito dalla Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici, con la preziosa collaborazione della Soprintendenza per i Beni storici artistici ed etnoantropologici.

L’evento ha in sé valenze significative che vanno oltre la semplice apertura: è frutto di una politica culturale dell’Ente Regione che ha finanziato una serie numerosa di musei diocesani (è stato da poco inaugurato quello di Potenza e prima dell’estate sarà aperto quello di Melfi), della generosità delle Curie nel rendere fruibile un patrimonio sinora riservato ai momenti di culto solenne, del lavoro dei funzionari del Ministero che hanno, nel corso degli anni, superato difficoltà e incomprensioni.

Un altro aspetto peculiare del costante lavoro di tutela è illustrato dalla mostra “Il patrimonio recuperato. Due vasi del pittore di Amykos e la produzione figurativa del Metapontino” che presenta i risultati delle attività di contrasto alla predazione, da parte di malavitosi, di parti significative del nostro patrimonio, svolte dai funzionari e dai carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale. I due vasi del pittore di Amykos recuperati sono solo una piccola parte di quanto si riesce a ritrovare e recuperare, spesso in istituzioni estere che con i loro incauti acquisti alimentano il mercato clandestino e privano il Paese di preziosi reperti.

Similmente biblioteche ed archivi offrono accattivanti finestre sui risultati del loro lavoro.

L’adesione di Associazioni ed Enti, che nel corso degli anni sono protagonisti di significative partecipazioni alla Settimana, rassicura circa la validità di una iniziativa che attira l’interesse di tutti quelli che hanno a cuore la valorizzazione del nostro patrimonio culturale.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

L’ “esplosione” odierna del tempo libero

Oggi, cambiando i ritmi lavorativi e aumentando la disponibilità anche finanziaria per gli aspetti al di là della “sopravvivenza”, il tempo libero è esploso come un fenomeno sempre più grande e presente nella nostra vita, sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. 
Inoltre per molte persone esso sta diventando l'unico spazio in cui esse cercano una certa quale realizzazione, visto il sempre minore significato “realizzante” del lavoro e della carriera, e in genere di tutti gli altri momenti della vita (famiglia compresa). 
Questo è particolarmente vero per i giovani che, senza più progetti di studio o lavoro, né ideali politici o sociali, e sempre più distaccati da famiglia e comunità religiosa (che li coinvolgono infatti sempre meno), si tuffano nel tempo libero come àncora di salvezza. 
Ma è anche vero che gli anziani, liberi ormai da doveri professionali e spesso anche di famiglia, diventano i “professionisti” del tempo libero, anche se sovente, non preparati prima, non…