Passa ai contenuti principali

Genitori, voi siete…sale. 22 Maggio 2011

Azione Cattolica
Parrocchia Santa Maria del Sepolcro di Potenza
Azione Cattolica, Leoni di S. Maria, Scuole delle Madri Canossiane

Invitano al quarto momento di incontro, amicizia e formazione per famiglie che impegnerà genitori e figli l’intera giornata di domenica 22 Maggio 2011.
Scarica il programma


Presentazione iniziativa:

L’Azione Cattolica della Parrocchia di S. Maria del Sepolcro, insieme alle altre realtà ivi presenti (Associazione Leoni di S. Maria, Scuole Canossiane e Gruppo Catechisti), concluderà domenica 22 maggio il ciclo di incontri espressamente rivolti alla formazione e al sostegno delle famiglie della nostra città. Tali incontri si caratterizzano, oltre che per i forti contenuti proposti, anche per l’intenzione di preparare insieme sia i genitori che i figli, alle sfide dei nostri giorni, attraverso itinerari distinti e momenti di confronto comune. 

Dopo la S. Messa festiva celebrata alle ore 10,00 da Padre Pietro Anastasi, i coniugi Adria e Marco Rocchi, fondatori dell’Associazione “Crescere in famiglia” di Roma, terranno la loro relazione su “GENITORI VOI SIETE SALE”, suggerendo le strade attraverso le quali le nostre famiglie possano formare una rete significativa nei quartieri, nella città e nel mondo, riscoprendo la responsabilità pubblica dell’amore coniugale e individuando tutti gli spazi e le spazi e le occasioni per esercitarla. I lavori proseguiranno nel pomeriggio (dopo il pranzo comune) con il dialogo e lo scambio tra genitori e figli. 

L’attualità dell’iniziativa è purtroppo confermata dagli ultimi dati sui matrimoni in Italia pubblicati dall' ISTAT che mostrano come prosegua il calo dei matrimoni, in atto dal 1972, e come la crisi economica abbia accelerato questo calo. Solo negli anni 2009 e 2010 infatti la nuzialità è calata del 6% (trentamila in meno), mentre la precedente diminuzione fisiologica era del 1,2%, in linea con il progressivo assottigliarsi delle classi giovanili. 

Questo fenomeno (che in verità, interessa meno la Basilicata, dove il tasso di nuzialità è molto sostenuto) non ammette più disimpegni e distrazioni, perché non è possibile ignorare come esso tenda a minare alla base il destino del nostro Paese, che solo attraverso la tenuta sociale potrà costruire un futuro di necessaria coesione e ragionevole benessere. 

Anche se una delle cause risiede nella prolungata inoccupazione (particolarmente grave nelle fasce di età fra i 19 e i 34 anni) e nella scelta a favore delle convivenze more uxorio, vista spesso come una via obbligata, tuttavia, ciò non è sufficiente a spiegare come mai, in tempi in cui le condizioni oggettive di vita erano forse ancora più ardue delle attuali, non c'era alcuna crisi economica, difficoltà sociale, guerra, o calamità naturale, che potesse scoraggiare i giovani dallo sposarsi. 

La drastica diminuzione dei matrimoni è dunque il segno di un Paese in affanno, non solo per i limiti di una congiuntura economica sfavorevole (non si spiegherebbe altrimenti come mai il matrimonio “tiene” proprio nelle regioni più svantaggiate economicamente), ma anche per la mutazione antropologica in atto, che avanza attraverso una certa “distrazione” dei mass media, una colpevole indifferenza della cultura intorno ai più elementari valori umani e per effetto della miope latitanza della politica. 

In una simile situazione l’Azione Cattolica intende non tirarsi indietro, e proseguire lungo la strada di una abbondante semina nelle coscienze degli uomini e delle donne, delle famiglie e dei giovani del nostro tempo; è giunto infatti il momento perché a tutti i livelli sia sostenuta la assunzione di responsabilità rispetto al vincolo essenzialmente pubblico (religioso o civile) del matrimonio, e che sia promossa senza incertezze la scelta di formare nuovi nuclei familiari. (firmato Giancarlo Grano)


Programma


Ore 10,00
Partecipiamo insieme alla S. Messa presieduta da Padre Pietro 

Ore 11,00
incontro con la coppia Marco e Adriana Rocchi, fondatori della Associazione “Crescere in Famiglia” di Roma 

Ore 13,30 : Pranziamo insieme 

Ore 15,00: Attività di laboratorio, gioco e scambio tra genitori e figli 

Ore 17,00:   Conclusioni di Padre Pietro 

Per info e prenotazioni al pranzo:
FRANCO 329.4241452 - FILIPPO 339.1483696


Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

MAGGIO 2018

Il mese di maggio si annuncia come un mese di riflessione e preghiera per il laicato potentino. Numerose le iniziative in programma.
Domenica 29 aprile con inizio alle ore 16,00 presso il monastero delle Clarisse in c.da Botte, padre Pietro Anastasi Assistente della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, presenterà, l’ultima Esortazione Apostolica di Papa Francesco Gaudete et exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.
Inoltre tutti i sabato di maggio, sul sagrato della centrale chiesa di San Michele Arcangelo con inizio alle ore 20,30 sarà proposta (come già lo scorso anno) la recita pubblica del Santo Rosario.
Inoltre nella notte del 5 maggio si rinnoverà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna diFonti (Tricarico) con partenza alle ore 2,00 dalla chiesa di San Rocco e arrivo al Santuario alle 13,00.
Nelle intenzioni degli organizzatori tutte queste iniziative, rappresenteranno altrettanti momenti di avvicinamento e preparazione …

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …