Passa ai contenuti principali

Mulino Bianco e il Comune di Potenza sostengono l’educazione alimentare

Mulino Bianco ed il Comune di Potenza sostengono l'educazione alimentare 
Mulino Bianco ed il Comune di Potenza sostengono
l’educazione alimentare e l’importanza della colazione all’italiana e della buona merenda

La casa del Mulino Bianco
Arriva a Potenza il viaggio intrapreso da Mulino Bianco che toccherà le più belle piazze delle provincie italiane per riaffermare i valori della nostra tradizione culturale alimentare, con un particolare riguardo per i più piccoli. Il Comune di Potenza patrocina l’iniziativa.

Arriva a Potenza, dal 21 al 24 maggio, il Tour di Mulino Bianco, il progetto di educazione alimentare per informare e sensibilizzare gli italiani verso una corretta e sana alimentazione, che in due anni ha già toccato oltre 80 tra le più belle città italiane e ospitato oltre 500.000 visitatori.

Le attività del Tour di Mulino Bianco, a sostegno dell’educazione alimentare e di sane abitudini come la colazione e la merenda all’italiana, hanno trovato il supporto del Comune di Potenza che ha deciso di patrocinare l’iniziativa.

“Da tre anni il Tour di Mulino Bianco riscuote grande interesse in giro per l’Italia e ha accolto il sostegno di molte istituzioni locali, attente al lavoro che Mulino Bianco porta avanti per promuovere una corretta e sana alimentazione. Il patrocinio concesso dal Comune per questa importante tappa del Tour di Mulino Bianco è una ulteriore conferma in tal senso ed per noi un incoraggiamento a proseguire il lavoro nella stessa direzione” – afferma Elena Bernardelli, Direttore Marketing Bakery Italia di Barilla.

“Siamo grati a Barilla per l’iniziativa Tour di Mulino Bianco – ha detto il Sindaco di Potenza, Vito Santarsiero - che consente di diffondere, soprattutto tra i più giovani, una sana cultura dell’educazione alimentare. In tale contesto anche la cucina lucana, fondamentalmente cucina italiana e mediterranea, si propone quale elemento di identità del territorio e sano riferimento per una buona alimentazione”.

L’accogliente struttura itinerante del Mulino visiterà le più belle piazze del Paese, toccando 30 città da fine marzo a novembre 2011.

Il Mulino è aperto a tutti coloro che sono interessati ad intraprendere un’interessante esperienza alla scoperta delle origini della nostra tradizione alimentare e dell’importanza dell’equilibrio nutrizionale, con particolare attenzione alla Colazione all’italiana e alla Buona Merenda.

Durante ogni tappa, all’interno della struttura del Mulino, i visitatori possono accedere ai contenuti del progetto e partecipare ad alcune attività, come ad esempio conoscere qual è la propria tipologia di risveglio – morbido, leggero, allegro o energico – grazie a un simpatico e veloce test.

Possono così gustare la colazione più vicina al proprio modo di iniziare la giornata ricevendo un
vassoio corrispondente al proprio profilo di risveglio con biscotti e brioche Mulino Bianco.

Oggi, grazie a un’ampia gamma di prodotti Mulino Bianco accontenta, infatti, gusti ed esigenze diverse, offrendo la possibilità di scegliere una merenda più leggera o più ricca, in funzione delle attività che impegnano i bambini nel pomeriggio.
Una merenda fatta proprio come la farebbe la mamma, grazie alla cura che Mulino Bianco ripone nella scelta delle materie prime, nello studio delle ricette e nei processo produttivi innovativi e controllati.

Ed è proprio in provincia di Potenza, a Melfi, che si trova un importante stabilimento di Mulino Bianco dove vengono prodotte le merende, nonché biscotti, pane e fette biscottate. Costruito nel 1986. lo stabilimento di Melfi, che oggi conta oltre 400 dipendenti che lavorano su 7 linee di produzione, arriva a produrre fino a 70.000 tonnellate di prodotti all’anno.

Il Tour è anche l’occasione per scoprire l’ultima novità di Mulino Bianco: “Storie di Frutta al Cucchiaio”: una cremosa purea di frutta che abbraccia tanti gustosi pezzetti di vera frutta. In una
comoda e pratica coppetta, tutto il gusto e la bontà della frutta per ogni momento della giornata.

Il Tour di Mulino Bianco ospita al suo interno attività di “edutainment”, pensate per imparare giocando, dedicate ai bambini di età scolare. Proprio ai più piccoli e alle loro attività è rivolta particolare attenzione.

Laboratorio Mani in Pasta del Mulino Bianco
I bambini possono partecipare al laboratorio Mani in Pasta e al teatro “Alla scoperta dei segreti degli Amici del Mulino”, due programmi nati per far vivere un’esperienza di educazione alimentare divertente e istruttiva.

Mani in pasta, consente ai bambini di scoprire più da vicino gli ingredienti naturali e conoscere il loro corretto utilizzo nella preparazione di una merenda buona, sana ed equilibrata.
Lo chef farà un’introduzione sull’origine degli ingredienti e sulle loro caratteristiche, dopodiché accompagnerà i bambini, vestiti come dei veri chef con grembiulino e cappello, nell’attività creativa e manuale, dall’impasto alla realizzazione di biscotti.

Nel Teatro “Alla scoperta dei segreti degli Amici del Mulino” i bimbi vanno alla scoperta insieme ad un animatore di tante curiosità legate all’origine degli ingredienti, i loro differenti utilizzi, l’orto e le caratteristiche degli alimenti che trovano sulla loro tavola.

L’edizione 2011 del Tour di Mulino Bianco si arricchisce di una nuova attività che ha come protagonista il mondo del pane. Il pane da sempre accompagna la vita di tutti: alimento versatile e gustoso, arricchisce qualsiasi momento della giornata, come semplice accompagnamento o protagonista del pasto.

Tutti i Laboratori, che fino ad oggi hanno ottenuto un grande successo coinvolgendo oltre 100.000 bambini, sono su prenotazione ed è possibile riservare dei laboratori speciali per le scuole.
All’interno del Mulino Bianco è inoltre previsto uno spazio permanente dedicato ai bambini dove poter disegnare e colorare.

Il Mulino Bianco sarà a Potenza in Piazza Mario Pagano con i seguenti orari: 9.00-13.15 /16.30- 20.00. 
Per conoscere tutte le tappe del tour è possibile visitare il sito www.mulinobianco.it.

Il Gruppo Barilla:

Nata a Parma nel 1877 da una bottega che produceva pane e pasta, Barilla è oggi tra i primi Gruppi alimentari italiani, leader mondiale nel mercato della pasta, dei sughi pronti in Europa continentale, dei prodotti da forno in Italia e dei pani croccanti nei Paesi scandinavi.

Attualmente il Gruppo Barilla possiede 43 siti produttivi (13 in Italia e 30 all’estero) ed esporta in più di 100 Paesi.

Dagli stabilimenti escono ogni anno circa 2.500.000 tonnellate di prodotti alimentari, che vengono consumati sulle tavole di tutto il mondo, con i marchi: Barilla, Mulino Bianco, Voiello, Pavesi, Alixir, Academia Barilla, Wasa, Harry’s (Francia e Russia), Lieken Urkorn e Golden Toast (Germania), Misko (Grecia), Filiz (Turchia), Yemina e Vesta (Messico). 

Ai marchi di prodotto si affiancano i marchi Number 1, società del Gruppo specializzata in servizi logistici, e First per i servizi di vendita al dettaglio.

La coerenza con principi e valori antichi ma sempre attuali, la gestione delle risorse umane come patrimonio fondamentale e i sistemi di produzione all’avanguardia fanno di Barilla una delle aziende alimentari più stimate nel mondo come espressione del “saper fare” italiano.

Per maggiori informazioni: www.barillagroup.it

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa

Ketchum per Mulino Bianco

Paola Chiasserini – 02/62411948 – 346/8851377 – paola.chiasserini@ketchum.it

Eleonora Bresesti – 02/62411970 – eleonora.bresesti@ketchum.it

Ufficio Stampa Barilla - Marco Magli – 0521/263066 – marco.magli@barilla.com


Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Cattedrale di San Gerardo Potenza

Poche le notizie disponibili, e non sempre possiamo averne la certezza storica, mentre possiamo scoprire i messaggi evangelici, che il clero potentino ci ha tramandato, tramite le opere di arte sacra giunte a noi. 
La cattedrale di San Gerardo a Potenza ha subito numerose modifiche, ma possiamo ipotizzare che siano state molte di più visto che mancano ca. sei secoli, atteso che i resti più antichi risalgono ca. al VI secolo.
I primi rifacimenti radicali sono avvenuti intorno al 1200, ad opera del vescovo Bartolomeo, poi nel 1789 il vescovo Serrao la fece ricostruire più ampia. Dopo il terremoto del 1857 fu abbattuta e ridimensionata, mentre a causa di quello del 1930, negli anni ’30 furono eseguite grandi opere di restauro.
Purtroppo la violenza della seconda guerra mondiale non ha risparmiato anche la Cattedrale, tanto da essere ferita dai bombardamenti dell’8 settembre 1943, per poi essere riparata negli anni 45-50.
L’ultimo restauro è avvenuto il 1985, a seguito del violento terre…

DON PIERLUIGI VIGNOLA di POTENZA RETTORE MISSIONE CATTOLICA di AMBURGO

Il Direttore dell'Ufficio è il nuovo Rettore della Missione Cattolica di Amburgo - Germania. Il suo ingresso ufficiale è avvenuto il 23 novembre 2014, con una messa solenne presieduta dall’Arcivescovo di Amburgo S.E. Monsignor Hans-Jochen Jaschke, alla presenza del Delegato Nazionale per la Germania ed i Paesi Scandinavi P. Tobia Bassanelli, del Rev.mo Monsignor Wilm Sanders Presidente del Capitolo Metropolitano di Amburgo, di P. Sylwester Gorczyca della Diocesi di Crotone - S. Severina.
Gli italiani della Diocesi di Amburgo sono oltre 20.000, alcuni dei quali originari anche della Basilicata come il signor Giuseppe Di Mare di Oppido Lucano e fotografo ufficiale per l'occasione.
Nel suo saluto e nell'omelia l'Arcivescovo Jaschke ha rivolto parole di affetto e fraternita' a don Pierluigi, dicendo: "Saprà arrivare al cuore delle persone, soprattutto di tutti quelli che soffrono: avete veramente un grande padre e pastore”. 
Il Direttore, Don Pierluigi Vignola di…

La cappella di San Gerardo nel Duomo di Potenza

San Gerardo fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 ed è il Santo patrono della Città di Potenza, la sua ricorrenza principale è il 30 Maggio, il giorno della traslazione delle sue reliquie, ma anche il 30 ottobre, giorno della sua morte.
Le reliquie di San Gerardo sono venute alla luce nel 1250 ad opera del vescovo Orberto, che provvede a traslocare solennemente le venerate reliquie in un’apposita cappella eretta in onore del Santo.
L’altare reca lo stesso stemma araldico di mons. De Luca. Nel 1629 il vescovo Diego De Vargas, scrivendo alla Santa Sede, ricordava che il venerato corpo era custodito nel tempio, ma in luogo sconosciuto perché nascosto per timore di profanazione.
Il 26 giugno 1644 il vescovo Michele De Torres consacrò la chiesa e l’altare maggiore, sotto il quale, in un sarcofago di pietra, dell’epoca tardo romana, ripose l’urna contenente il sacro corpo.
Mons. Bartolomeo De Cesare il 18 dicembre 1817, fece la ricognizione delle reliquie che ripose in due casse. Mons. Be…