Passa ai contenuti principali

Potenza: conservare, valorizzando.

Lions Club Potenza Host_

venerdì 27 maggio 2011 - ore 16,30

Sala del Cortile 
Museo Archeologico Nazionale
“Dinu Adamesteanu”
Palazzo Loffredo, Potenza.
Programma dei lavori:
Dr. Antonio De Siena
Soprintendente ai Beni Archeologici per la Basilicata

Ing. Gennaro Miccio
Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Basilicata

Prof. Mauro Fiorentino
Magnifico Rettore della Università degli Studi della Basilicata

Ing. Attilio Maurano
Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici per la Basilicata

Ing. Vito Santarsiero
Sindaco della Città di Potenza

Incontro dibattito

Moderatore:

LIONS Erberto Stolfi

Conclusioni:

LIONS Aldo D’Andrea

Past Governatore del Distretto 108 YA


Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA

Venerdì 9 giugno i responsabili del laicato cattolico della Diocesi di Potenza, e gli iscritti e simpatizzanti della Scuola Diocesana di Formazione all’Impegno Sociale e Politico, si danno appuntamento a Potenza alle ore 17:00, presso la Casa del Volontariato, in via Sicilia (ex sede Ipias) per un convegno sul tema: VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA, NUOVE IDEE E BUONE PRASSI PER INNOVARE LE POLITICHE URBANE.
L’iniziativa della Consulta delle Aggregazioni Laicali e dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, vuol essere anche un momento di studio offerto ai politici e agli amministratori locali con l’obiettivo di rilanciare la famiglia come elemento centrale nella società. 
Dopo il saluto di s.e. Salvatore Ligorio Arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo e del presidente di ANCI Basilicata Salvatore Adduce, la relazione sarà sviluppata dal dott. Roberto Bolzonaro, uno dei massimi esperti in materia di politiche familiari, attualmente membro dell’Osservatorio Nazionale su…

Chiesa S.S. Anna e Gioacchino a Potenza

Il terremoto del 23 Novembre 1980 ha reso necessari i lavori di ristrutturazione della chiesa che era stata inaugurata il 23 dicembre 1956.
Per l’occasione si è inteso rielaborare gli spazi e disegnare le vetrate sulla base della riflessione conciliare del Vaticano II.
Il Vaticano II, infatti, ha orientato la Chiesa alla lettura dei segni dei tempi e del territorio quali dimensioni teologiche dell’interpretazione e della realizzazione del Regno di Dio.