Passa ai contenuti principali

La festa dei dodici martiri (I pip’li di Potenza)


In un giorno lontano giunsero a Potenza dalle terre d’Africa dodici fratelli figli di San Bonifacio e di Santa Tecla, trascinati a Roma dal proconsole Valeriano per esservi trucidati. Non ebbero il tempo di completare il loro doloroso pellegrinaggio.

Minacciati, derisi, dai loro persecutori, furono condotti al supplizio, alcuni a Potenza, altri a Venosa. 

Andarono a morte cantando i loro inni, mentre negli occhi loro luceva la divina gioia gioia del martirio per quella fede cui, senza esitazione e senza rimpianto, sacrificavano la vita.

Una donna era presso il luogo del martirio a lavare biancheria nelle acque del Basento.

Quando i carnefici si furono allontanati portando i corpi dilaniati dei Martiri, essa volle prendere qualche loro reliquia; raccolse dei fiori inzuppati del loro sangue e se li portò a casa e li conservò in una pezzuola di candido lino.

Se ne era dimenticata ma, dopo parecchi anni, frugando per sue cose, trovò i fiori, ancora verdi, come se fossero stati colti allora.

Stupita, portò ad un sacerdote i fiori, perché li conservasse in chiesa. Il ministro di Dio li conservò e d’allora, ogni anno, il primo di settembre, in occasione appunto della festa dei Dodici Martiri, si mostravano al popolo i fiori, detti pip’li.

Dei Dodici Martiti faceva parte S. Oronzio, il primo protettore di Potenza.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

Parrocchia di Gesù Maestro, Macchia Romana, Potenza

Da domenica 24 giugno a domenica 1 luglio si svolgerà a Potenza la festa della Parrocchia di Gesù Maestro, posta al centro del nuovo e popoloso quartiere di Macchia Romana, ed affidata alle cure di don Michele Celiberti, della famiglia dei Discepoli. 
Lo scopo della festa, il cui titolo generale è Il “LA PARROCCHIA: UNA COMPAGNIA AFFIDABILE” è quello di far vivere una esperienza di chiesa gioiosa e accogliente, attraverso una serie di varie e articolate iniziative di cultura, amicizia, preghiera e animazione del tempo libero.