Passa ai contenuti principali

Festival dell'Arpa Viggianese

Festival dell'Arpa Viggianese
STAGE e WORKSHOP
con ARTISTI INTERNAZIONALI 
da lunedì 1 a domenica 7 agosto 2011

le ARPE CELTICA e VIGGIANESE incontrano

il CIMBALOM UNGHERESE,
il GUZHENG CINESE,
la KORA AFRICANA
e l'HAMMERED DULCIMER

Programma

Il Festival dell'Arpa Viggianese, in programma dal 3 al 7 agosto a Viggiano (PZ), anche quest'anno prevede una serie di attività didattiche. Due i corsi organizzati per la IV edizione della rassegna: quello di musica popolare (aperto a tutti gli strumenti musicali) diretto dal paraguayano Lincoln Almada e quello di arpa diretto da Anna Pasetti, autrice del saggio "L'arpa viggianese nella storia della musica e dell'arpa in Europa". Entrambi i corsi si tengono all'Hotel dell'Arpa da lunedì 1 a domenica 7 agosto.

Aperti al pubblico, invece, i workshop multietnici con musicisti internazionali che, oltre alle arpe classiche, illustreranno ai presenti con esibizioni, racconti e aneddoti gli strumenti legati alle loro culture. L'arpa come speciale e inconsueto corridoio linguistico attraverso il quale trovano espressione le musiche dei continenti, che inventano strumenti a corda coi quali ancora oggi si possono rappresentare sia le tradizioni sia l'estetica contemporanea.
Il programma prevede, mercoledì 3 agosto, il cimbalom ungherese con la slovacca Alzbeta Lukacova;

giovedì 4 agosto, l'arpa celtica con Enrico Euron (al mattino) e il guzheng cinese con Chanyuan Zhao (al pomeriggio).

Venerdì 5 agosto, spazio alla kora africana col maliano Mamadou Diabate, vincitore nel 2009 di un Grammy Awards nella categoria best traditional world music, che riceverà a Viggiano il Premio Harpo Marx 2011, assegnato lo scorso anno ad Enzo Avitabile.

Sabato 6 agosto, l'omaggio all' arpa popolare viggianese con Luigi Milano, ultimo depositario della storica e preziosa tradizione lucana, a cui sarà assegnato un riconoscimento dal Comune di Viggiano.

Infine, domenica 7 agosto un doppio incontro: dalle 10 alle 12, arpa celtica con Vincenzo Zitello e dalle 15 alle 17 hammer dulcimer con Michele Mastrotto.

Ogni pomeriggio, inoltre, dalle 19 sulle terrazze che affacciano sull'Alta Val d'Agri si tengono gli aperitivi musicARPAinsieme, con l'esibizione dei giovani allievi partecipanti agli stage e il dj set lounge del polistrumentista polacco/tedesco Darius Darek.

Il "Festival dell'Arpa Viggianese" è un evento organizzato dall'assessorato comunale al Turismo e allo Spettacolo con il sostegno di Frame Evolution e il patrocinio della Regione Basilicata, della Provincia di Potenza, della Comunità montana Alto Agri, della Proloco e dell'Ente Parco nazionale dell'Appennino lucano.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA

Venerdì 9 giugno i responsabili del laicato cattolico della Diocesi di Potenza, e gli iscritti e simpatizzanti della Scuola Diocesana di Formazione all’Impegno Sociale e Politico, si danno appuntamento a Potenza alle ore 17:00, presso la Casa del Volontariato, in via Sicilia (ex sede Ipias) per un convegno sul tema: VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA, NUOVE IDEE E BUONE PRASSI PER INNOVARE LE POLITICHE URBANE.
L’iniziativa della Consulta delle Aggregazioni Laicali e dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, vuol essere anche un momento di studio offerto ai politici e agli amministratori locali con l’obiettivo di rilanciare la famiglia come elemento centrale nella società. 
Dopo il saluto di s.e. Salvatore Ligorio Arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo e del presidente di ANCI Basilicata Salvatore Adduce, la relazione sarà sviluppata dal dott. Roberto Bolzonaro, uno dei massimi esperti in materia di politiche familiari, attualmente membro dell’Osservatorio Nazionale su…

Chiesa S.S. Anna e Gioacchino a Potenza

Il terremoto del 23 Novembre 1980 ha reso necessari i lavori di ristrutturazione della chiesa che era stata inaugurata il 23 dicembre 1956.
Per l’occasione si è inteso rielaborare gli spazi e disegnare le vetrate sulla base della riflessione conciliare del Vaticano II.
Il Vaticano II, infatti, ha orientato la Chiesa alla lettura dei segni dei tempi e del territorio quali dimensioni teologiche dell’interpretazione e della realizzazione del Regno di Dio.