Passa ai contenuti principali

La Bottega Medievale della Commenda “Jacques de Molay “

Stand Bottega Artigianale Medievale
al Parco de La Grancia
La “Bottega Artigianale Medievale” sita in Forenza (Pz) del Cav. Vincenzo Carmine Caputo, Cavaliere Ufficiale della Commenda Jacques de Molay 1314 di Potenza , fornisce abiti, armature e ogni tipo di oggettistica dell’epoca, sarà presente con un proprio stand al Parco della Grancia di Brindisi di Montagna (Pz).

La Bottega utilizza antiche tecniche di manifattura per l’oggettistica, ed è importante patrimonio culturale sul territorio. La Bottega inoltre garantisce quota parte degli introiti in attività benefica di solidarietà gestite dal Commendatore Nob.ma Sr. Gabriella Vignola.

Per ogni informazione rivolgersi all’indirizzo e-mail della Commenda commendajdm@libero.it oppure direttamente all’utenza del Maestro artigiano Cav. Carmine Caputo 388.7917668.


Cavaliere Templare
La nostra Associazione-Confraternita, vuole essere un momento di fraternità tra coloro che vogliono dare maggior gloria a Dio realizzando la comunione fraterna tra i Confratelli con l’impegno nella carità, nella cultura ad esclusivo servizio dell’uomo e per costruire condizioni di vita più giuste e fraterne, secondo la regola di San Bernardo di Chiaravalle.

Come gli antichi Cavalieri ogni associato si farà compagno di viaggio di ogni fratello e sorella che incontra sul proprio cammino, sempre a difendere il tempio di Dio che è l’uomo vivente. La nostra Associazione-Confraternita non ha fini di lucro e devolve ogni sua entrata in opere di beneficienza che sono affidate alle mani del nostro Assistente Spirituale e secondo le esigenze delle Chiese locali lì dove ci sono i nostri associati.

Ancor oggi giungono segnali di violenza, di prevaricazione e di intolleranza, la nostra Associazione si impegna pertanto nella difesa dei cristiani ed oggi, in particolar modo, ha come scopo principale quello di sostenere le opere religiose, educative e caritative della Chiesa Locale ed Universale. Accanto alla carità operosa, nella vita del cristiano vi è anche la carità della preghiera, che non deve mai mancare nella vita dei cavalieri e dame dell’Associazione. La forza della preghiera talvolta riesce a fare prodigi; a consolare gli afflitti, a sollevare gli sfiduciati, a portare la pace là dove sembra impossibile.

Nell’Associazione si cerca di tutelare quel patrimonio che ha visto il realizzarsi delle promesse dell’Antico e Nuovo Testamento nel sacrificio pasquale della morte e risurrezione del nostro Salvatore.

Ecco perché occorre al tempo stesso adoperarsi perché la stessa passione, che ha animato i predecessori e che anima noi stessi, sia fedelmente tramandata alle nuove generazioni. Sto pensando al ricco patrimonio umano, morale e spirituale, vero vanto dei Cavalieri del Tempio, che hanno attraversato i secoli mantenendo intatto lo spirito originario di difensori della fede e della Chiesa.

Proponendo a tanti giovani gli ideali cavallereschi, è possibile imprimere un valido impulso alla missione stessa della Chiesa, in quest’ora grave di emergenza educativa, creando valide opportunità di crescita per molti giovani, i quali, animati da autentico spirito di servizio, possono vivere e diffondere con entusiasmo il perenne messaggio del Vangelo di Cristo, diventando così sale e luce nel e del mondo.

Come Ordine siamo presenti, con Gran Balivati, Balivati, Commende e Precettorie oltre che in Italia, in Francia, Svizzera, Slovenia, Romania, Cipro e Libano e si spera a breve in Argentina, Spagna e Svezia.

Siamo un Priorato giovane ed abbiamo circa 450 associati tra Cavalieri e Dame, al nostro interno ci sono anche dei confratelli sacerdoti che vogliono dare quel tocco maggiore di cristianità e di impegno spirituale, oltre che solidale e culturale, ai fratelli ed alle sorelle del Priorato così come anche stabilito dallo statuto dell’Associazione.

ESTRATTO STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE PTHM

DEFINIZIONI

Il Priorato del Tempio Hierosolimitano di Mik’ael da ora in poi definito con l’acronimo PTHM è una Associazione-Congregazione privata di fedeli Cristiani laici, che si rifà alla tradizione cavalleresca, cosmopolita, indipendente ed apolitica ed è associata alla Nobile Congregazione della Basilica di Santa Maria Salome in Veroli dal 1229 (Diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino - Italia).

Il Priorato si identifica come Associazione di CRISTIANI, aperta ad altre persone di buona volontà che desiderano dedicarsi al servizio di Dio.

Secondo la legge civile il PTHM è una associazione assistenziale, apolitica, senza scopo di lucro, rivolta al bene comune dell’umanità.

Finalità associative:

L’Associazione denominata: Priorato del Tempio Hierosolimitano di Mik’Ael, è una associazione di laici i quali hanno come finalità fondamentali:
a) la maggior gloria di Dio;
b) accogliere e promulgare le verità di fede e di morale autenticamente interpretate dal Magistero della Chiesa
c) contribuire alla realizzazione della comunione fraterna tra i Confratelli per far crescere in loro la comunione ecclesiale;
d) nella prospettiva di una vera comunione ecclesiale accogliere con spirito di fede gli orientamenti pastorali del Magistero del Papa e dei Vescovi, rispettando la pluralità delle aggregazioni di fedeli laici già esistenti e favorendo la reciproca collaborazione;
e) intensificare la presenza cristiana nella società ad esclusivo servizio dell’uomo e per costruire condizioni di vita più giuste e fraterne;
f) impegno nella carità, in modo particolare intervenire a favore dei fratelli più bisognosi;
g) impegno nella cultura;
h) impegno nelle proprie parrocchie di provenienza a sostegno dell’opera dei parroci;
i) l’associazione non ha fini di lucro.

L’associazione si rifà alla regola di San Bernardo di Chiaravalle, e come gli antichi cavalieri, ogni associato cerca di farsi compagno di viaggio di ogni fratello e sorella che incontra sul proprio cammino, sempre pronti a difendere il Tempio di Dio che è l’Uomo Vivente.


Pur ammirando l’opera degli antichi cavalieri templari che cercarono di difendere il cammino di ogni pellegrino, quest’associazione non ha nessuna velleità di sentirsi erede o rifondazione di tale compagine.

L’associazione bandisce nel suo interno qualsiasi membro di ispirazione massonica.

L’ Associazione organizza ed incoraggia eventi, attività culturali e ricreative, studi storici, araldici, genealogici, filosofici e religiosi, pellegrinaggi - viaggi ed escursioni ed ogni altra attività che sia indirizzata, in modo diretto o indiretto, a valorizzare temi e contenuti ispirati ai valori cristiani. Tutte le attività che verranno svolte in ambito associativo non avranno fini di lucro.


Per l’espletamento dei compiti previsti al punto precedente, tra le attività associative è prevista la formazione, sia degli associati che di altre persone interessate ad espletare tali compiti, nelle discipline necessarie, nonché è prevista la raccolta di fondi per realizzare materialmente questi propositi. Tutti i fondi ottenuti verranno esclusivamente utilizzati per i sopra menzionati scopi.


Le attività benefiche svolte dall'Associazione saranno indirizzate a persone bisognose senza tener conto della religione professata, della razza o colore della pelle, dell’appartenenza politica.

Associati

L'iscrizione può essere ottenuta solamente mediante una domanda scritta al Magnum Magisterium, che deciderà sull’accettazione dell’istanza del richiedente. Le persone ammesse nell’Associazione, in qualità di membro associato acquisiscono il titolo di Cavaliere o Dama. L'appartenenza all'Associazione ha inizio dalla data scritta sul certificato di appartenenza rilasciato dal Magnum Magisterium. Il documento verrà emesso soltanto dopo che la persona sarà sottoposta ad effettiva investitura cavalleresca, e benedizione.

Requisiti dei Membri Associati

I Membri dell'Associazione si dedicano con tutto il loro cuore, con tutta la loro anima e con tutta la loro forza (Dt 6,5 ) a Gesù Cristo ed al suo corpo, la Chiesa (1 Cor 12, 27) sforzandosi di essere lievito (Gal 5.9) dell'amore di DIO, nella famiglia, nel lavoro e nel tempo libero. Oltre questo, il loro speciale compito è quello di iniziare, facilitare, guidare, supportare e sostenere le attività del Priorato. Possono far parte dell’Associazione solo coloro i quali hanno ricevuto il Sacramento del battesimo e della cresima, conosciuti per integrità di costumi e vita cristiana, con tali requisiti possono essere qualificati come Membri Associati e ricordare che lo scopo è quello di impegnarsi per:

•La Gloria di Dio, e della sua Chiesa.
•La Crescita spirituale dei sui membri, attraverso una continua catechesi di studio e approfondimento delle Sacre Scritture, preghiera quotidiana, partecipazione attiva ai Sacramenti valorizzando i Tempi liturgici.
•Impegno nell’ opporsi ad ogni forma di violenza che non rispetti la Dignità umana.
•Trovare risorse per progetti, d’accordo con le Chiese Locali, caritatevoli di assistenza ai fratelli bisognosi
•Nelle comunità ecclesiali-parrocchiali dove si è chiamati a vivere essere d’aiuto per un Apostolato di Evangelizzazione.
•Secondo il Salmo 115, 1 - 18, “NON NOBIS DOMINE, NON NOBIS, SED NOMINI TUO DA GLORIAM” cercare solamente la Gloria di Dio e il bene della Chiesa.
•Riscoprire il senso, di attenzione al prossimo, Cavalleresco sullo stile della regola Templare di San Bernardo di Chiaravalle espressa nel codice “De Laude Novae Militiae”.
•Essere Cavalieri che sanno percorrere le strade del mondo tenendo alto il Vessillo della Croce di Cristo.
  
Neutralità

Nella qualità di appartenente all'Associazione, i membri non devono rilasciare alcuna dichiarazione politica o far parte di alcun partito politico. Possono farlo nella loro vita privata, ma non devono sfruttare la loro appartenenza all'Associazione come un mezzo per propagandare le loro vedute politiche.

Conclusione

L'Associazione “Priorato del Tempio Hierosolimitano di Mik’ael” vuole essere uno strumento della Chiesa Locale ed Universale teso ad agevolare nelle persone un corretto percorso di Fede Cristiana. La scelta dei membri del Priorato è quella di servire il Signore attraverso l’assistenza ai poveri ed ai bisognosi senza distinzione alcuna e cercando di fornire insieme all’aiuto materiale anche assistenza spirituale.


Il Gran Visitatore del PTHM
                                                                              
Fr. Sir Pierluigi Prof. Mons. Vignola  GOKT - GOTJ


Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Cattedrale di San Gerardo Potenza

Poche le notizie disponibili, e non sempre possiamo averne la certezza storica, mentre possiamo scoprire i messaggi evangelici, che il clero potentino ci ha tramandato, tramite le opere di arte sacra giunte a noi. 
La cattedrale di San Gerardo a Potenza ha subito numerose modifiche, ma possiamo ipotizzare che siano state molte di più visto che mancano ca. sei secoli, atteso che i resti più antichi risalgono ca. al VI secolo.
I primi rifacimenti radicali sono avvenuti intorno al 1200, ad opera del vescovo Bartolomeo, poi nel 1789 il vescovo Serrao la fece ricostruire più ampia. Dopo il terremoto del 1857 fu abbattuta e ridimensionata, mentre a causa di quello del 1930, negli anni ’30 furono eseguite grandi opere di restauro.
Purtroppo la violenza della seconda guerra mondiale non ha risparmiato anche la Cattedrale, tanto da essere ferita dai bombardamenti dell’8 settembre 1943, per poi essere riparata negli anni 45-50.
L’ultimo restauro è avvenuto il 1985, a seguito del violento terre…

DON PIERLUIGI VIGNOLA di POTENZA RETTORE MISSIONE CATTOLICA di AMBURGO

Il Direttore dell'Ufficio è il nuovo Rettore della Missione Cattolica di Amburgo - Germania. Il suo ingresso ufficiale è avvenuto il 23 novembre 2014, con una messa solenne presieduta dall’Arcivescovo di Amburgo S.E. Monsignor Hans-Jochen Jaschke, alla presenza del Delegato Nazionale per la Germania ed i Paesi Scandinavi P. Tobia Bassanelli, del Rev.mo Monsignor Wilm Sanders Presidente del Capitolo Metropolitano di Amburgo, di P. Sylwester Gorczyca della Diocesi di Crotone - S. Severina.
Gli italiani della Diocesi di Amburgo sono oltre 20.000, alcuni dei quali originari anche della Basilicata come il signor Giuseppe Di Mare di Oppido Lucano e fotografo ufficiale per l'occasione.
Nel suo saluto e nell'omelia l'Arcivescovo Jaschke ha rivolto parole di affetto e fraternita' a don Pierluigi, dicendo: "Saprà arrivare al cuore delle persone, soprattutto di tutti quelli che soffrono: avete veramente un grande padre e pastore”. 
Il Direttore, Don Pierluigi Vignola di…

La cappella di San Gerardo nel Duomo di Potenza

San Gerardo fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 ed è il Santo patrono della Città di Potenza, la sua ricorrenza principale è il 30 Maggio, il giorno della traslazione delle sue reliquie, ma anche il 30 ottobre, giorno della sua morte.
Le reliquie di San Gerardo sono venute alla luce nel 1250 ad opera del vescovo Orberto, che provvede a traslocare solennemente le venerate reliquie in un’apposita cappella eretta in onore del Santo.
L’altare reca lo stesso stemma araldico di mons. De Luca. Nel 1629 il vescovo Diego De Vargas, scrivendo alla Santa Sede, ricordava che il venerato corpo era custodito nel tempio, ma in luogo sconosciuto perché nascosto per timore di profanazione.
Il 26 giugno 1644 il vescovo Michele De Torres consacrò la chiesa e l’altare maggiore, sotto il quale, in un sarcofago di pietra, dell’epoca tardo romana, ripose l’urna contenente il sacro corpo.
Mons. Bartolomeo De Cesare il 18 dicembre 1817, fece la ricognizione delle reliquie che ripose in due casse. Mons. Be…