Passa ai contenuti principali

Convegno diocesano a Potenza dal 13 al 15 ottobre: "Chiesa locale comunità educante"

Chiesa locale comunità educante: questo il tema del convegno ecclesiale diocesano, in programma a Potenza dal 13 al 15 ottobre, che si terrà nel Centro di formazione permanente Giovanni Paolo II.

Il presidente del movimento Rinnovamento nello Spirito Salvatore Martinez darà il via ai lavori con la relazione che è anche il titolo della tre giorni di studio.

Sarà poi don Rocco D’Ambrosio, responsabile della didattica per la facoltà di Scienze sociali all’università Gregoriana di Roma a offrire spunti di riflessione alle centinaia di partecipanti previsti nell’auditorium dell’ex seminario maggiore del capoluogo lucano. 
Al professor D’Ambrosio, infatti, è stata affidata la relazione prevista il 14 ottobre, che si svolgerà sempre nel pomeriggio, dal titolo ‘Comunicazione: vita secondo lo Spirito e impegno sociale’. 

L’ultimo giorno le conclusioni verranno affidate all’arcivescovo e vicepresidente Cei, monsignor Agostino Superbo, che sarà chiamato a fare sintesi anche del lavoro svolto nell’ambito dei 5 gruppi di studio, all’interno dei quali i fedeli della diocesi di Potenza – Muro Lucano – Marsico Nuovo proveranno a formulare proposte concrete, così come auspicato dallo stesso arcivescovo.

Iniziazione cristiana e tradizione, vita affettiva, lavoro e festa, cittadinanza responsabile e alleanza educativa questi gli argomenti dei quali si dibatterà con i momenti di preghiera a fare da filo conduttore delle attività. Sullo sfondo gli orientamenti pastorali dell’episcopato italiano per il decennio 2010-2020 contenuti nel documento ‘Educare alla vita buona del Vangelo’. 

Molti i volontari impegnati nell’organizzazione del convegno coordinati dal giovanissimo sacerdote e professore di filosofia, don Vito Serritella.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

Presenta FEDx

FEDx è l’acronimo di Fondi Europei Diretti, ovvero i finanziamenti a fondo perduto, dal 70% al 100%, che la Commissione Europea rende disponibili ai soggetti pubblici, associazioni, imprese, ricercatori, privati e cittadini, per raggiungere gli obiettivi approvati.
Questa tipologia di finanziamenti a fondo perduto, sono spesso confusi con i fondi europei gestiti dallo Stato e dalle Regioni, tanto da non essere conosciuti, come certificano anche i dati sul numero dei partner europei interessati a presentare proposte di attivazione, x accedere alle agevolazioni previste dai singoli Fondi Europei Diretti.
Considerato che x attivare un Fondo Europeo Diretto sono necessari almeno 3 partner in Stati europei differenti, si comprende, anche grazie alle elaborazione grafiche , che il numero potenziale dei progetti candidabili è molto basso, x alcuni anche di poche unità, sempre che tutti riescano a creare la compagine e ad inviare la richiesta di finanziamento.
La Borsa Europea www.fedx.it co…