Passa ai contenuti principali

Giornata Nazionale del Turismo 2011


TURISMO E CULTURE: CROCEVIA DEI POPOLI
23.11.2011, Venezia, Museo Diocesano 

Promosso da
Commissione Regionale Triveneta per il turismo 
sport, tempo libero e pellegrinaggi

Con il patrocinio del
Pontificio Consiglio per la Pastorale 
dei Migranti e degli Itineranti


Chiostro di Sant’Apollonia
sede del Museo Diocesano di Venezia
L’incontro invita alla riflessione sul Messaggio inviato dal Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti e degli Itineranti dal tema “Turismo e avvicinamento delle culture”.

Venezia, riconosciuta da tutti come crocevia delle culture, farà da sfondo a questa giornata di studio nella quale si parlerà del turismo come opportunità per la conoscenza ed il dialogo, nella prospettiva di un avvicinamento vissuto sia verso chi viene nel nostro ambiente, sia quando noi ci rechiamo all’estero per ragioni di turismo o pellegrinaggio.

Sarà offerta l’esperienza di una visita guidata ai mosaici di San Marco, privilegiando le scene che parlano della vicinanza fra i popoli e la differenza di lingue, tradizioni e culture.

Programma dei lavori:

10.00
Registrazione dei partecipanti

10.30
Intervento introduttivo
S.E. Mons. Dino De Antoni - Vescovo Delegato per il Triveneto

11.10
Turismo e avvicinamento delle culture. Illustrazione del Messaggio 
S.E. Mons. Antonio Maria Vegliò
Presidente Pontificio Consiglio Migranti

12:00
Il ruolo degli Uffici diocesani. 
Don Mario Lusek
Direttore Ufficio nazionale turismo sport e tempo libero

12:30
La Bellezza che accoglie: l’arte come occasione di avvicinamento.
Don Gianmatteo Caputo
Direttore UPT-UBC del Patriarcato di Venezia

Pausa buffet

14.30
La Basilica di San Marco crocevia dell’Occidente e dell’Oriente.
S.E. Mons Beniamino Pizziol
Amministratore Apostolico del Patriarcato di Venezia

15.00
Visita guidata ai Mosaici di San Marco con la collaborazione
degli accompagnatori pastorali dell’Ufficio Turismo del Patriarcato di Venezia.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

Assemblea Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali

Anche voi, dunque, alzate lo sguardo e guardate ‘fuori’, guardate   ai molti ‘lontani’ del nostro mondo, alle tante famiglie in difficoltà e bisognose di misericordia, ai tanti campi di apostolato ancora non esplorati … Abbiamo bisogno di laici ben formati, animati da una fede schietta e limpida, la cui vita è stata toccata dall’incontro personale e misericordioso con l’amore di Cristo Gesù.
Abbiamo bisogno di laici che rischino, che si sporchino le mani, che non abbiano paura di sbagliare, che vadano avanti. Laici con visione del futuro, non chiusi nelle piccolezze della vita … Laici col sapore di esperienza della vita, che osano sognare”. Papa Francesco, 17.6.2016 Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per i Laici
Carissimi amici e fratelli nel Signore, domenica 25 novembre vivremo, come ogni anno, la festa di Cristo Re, stringendoci attorno al nostro Pastore.
Questo il programma dell’Assemblea, che avrà come tema conduttore ispirato al desiderio di Papa Francesco: Percorrere …

La cappella di San Gerardo nel Duomo di Potenza

San Gerardo fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 ed è il Santo patrono della Città di Potenza, la sua ricorrenza principale è il 30 Maggio, il giorno della traslazione delle sue reliquie, ma anche il 30 ottobre, giorno della sua morte.
Le reliquie di San Gerardo sono venute alla luce nel 1250 ad opera del vescovo Orberto, che provvede a traslocare solennemente le venerate reliquie in un’apposita cappella eretta in onore del Santo.
L’altare reca lo stesso stemma araldico di mons. De Luca. Nel 1629 il vescovo Diego De Vargas, scrivendo alla Santa Sede, ricordava che il venerato corpo era custodito nel tempio, ma in luogo sconosciuto perché nascosto per timore di profanazione.
Il 26 giugno 1644 il vescovo Michele De Torres consacrò la chiesa e l’altare maggiore, sotto il quale, in un sarcofago di pietra, dell’epoca tardo romana, ripose l’urna contenente il sacro corpo.
Mons. Bartolomeo De Cesare il 18 dicembre 1817, fece la ricognizione delle reliquie che ripose in due casse. Mons. Be…