Passa ai contenuti principali

Giornata Nazionale del Turismo 2011


TURISMO E CULTURE: CROCEVIA DEI POPOLI
23.11.2011, Venezia, Museo Diocesano 

Promosso da
Commissione Regionale Triveneta per il turismo 
sport, tempo libero e pellegrinaggi

Con il patrocinio del
Pontificio Consiglio per la Pastorale 
dei Migranti e degli Itineranti


Chiostro di Sant’Apollonia
sede del Museo Diocesano di Venezia
L’incontro invita alla riflessione sul Messaggio inviato dal Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti e degli Itineranti dal tema “Turismo e avvicinamento delle culture”.

Venezia, riconosciuta da tutti come crocevia delle culture, farà da sfondo a questa giornata di studio nella quale si parlerà del turismo come opportunità per la conoscenza ed il dialogo, nella prospettiva di un avvicinamento vissuto sia verso chi viene nel nostro ambiente, sia quando noi ci rechiamo all’estero per ragioni di turismo o pellegrinaggio.

Sarà offerta l’esperienza di una visita guidata ai mosaici di San Marco, privilegiando le scene che parlano della vicinanza fra i popoli e la differenza di lingue, tradizioni e culture.

Programma dei lavori:

10.00
Registrazione dei partecipanti

10.30
Intervento introduttivo
S.E. Mons. Dino De Antoni - Vescovo Delegato per il Triveneto

11.10
Turismo e avvicinamento delle culture. Illustrazione del Messaggio 
S.E. Mons. Antonio Maria Vegliò
Presidente Pontificio Consiglio Migranti

12:00
Il ruolo degli Uffici diocesani. 
Don Mario Lusek
Direttore Ufficio nazionale turismo sport e tempo libero

12:30
La Bellezza che accoglie: l’arte come occasione di avvicinamento.
Don Gianmatteo Caputo
Direttore UPT-UBC del Patriarcato di Venezia

Pausa buffet

14.30
La Basilica di San Marco crocevia dell’Occidente e dell’Oriente.
S.E. Mons Beniamino Pizziol
Amministratore Apostolico del Patriarcato di Venezia

15.00
Visita guidata ai Mosaici di San Marco con la collaborazione
degli accompagnatori pastorali dell’Ufficio Turismo del Patriarcato di Venezia.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

MAGGIO 2018

Il mese di maggio si annuncia come un mese di riflessione e preghiera per il laicato potentino. Numerose le iniziative in programma.
Domenica 29 aprile con inizio alle ore 16,00 presso il monastero delle Clarisse in c.da Botte, padre Pietro Anastasi Assistente della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, presenterà, l’ultima Esortazione Apostolica di Papa Francesco Gaudete et exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.
Inoltre tutti i sabato di maggio, sul sagrato della centrale chiesa di San Michele Arcangelo con inizio alle ore 20,30 sarà proposta (come già lo scorso anno) la recita pubblica del Santo Rosario.
Inoltre nella notte del 5 maggio si rinnoverà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna diFonti (Tricarico) con partenza alle ore 2,00 dalla chiesa di San Rocco e arrivo al Santuario alle 13,00.
Nelle intenzioni degli organizzatori tutte queste iniziative, rappresenteranno altrettanti momenti di avvicinamento e preparazione …

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …