Passa ai contenuti principali

Giornata diocesana delle vocazioni laicali

Giornata diocesana
delle vocazioni laicali
NEL MONDO CON IL CUORE DI DIO

Domenica 27 novembre 2011

Sala Bertazzoni e Chiesa Cattedrale di Potenza

Riflettere sull’impegno dei laici rappresenta una consegna che proviene, autorevolmente, da tutti i pronunciamenti ecclesiali e dalle Encicliche di Benedetto XVI, fino alla recente lettera dei Vescovi italiani su Chiesa e Mezzogiorno. Anche la diocesi di Potenza - Muro Lucano - Marsiconuovo, nel corso del recente Convegno ecclesiale del 13-15 ottobre 2011 sul tema “Chiesa locale, comunità educante” ha assunto tra i suoi impegni prioritari quello di favorire una ecclesiologia di comunione, rinvigorendo la corresponsabilità dei laici e privilegiando in ogni modo la loro formazione. 
La Giornata delle vocazioni laicali, che si celebra a Potenza, il 27 novembre 2011, prima domenica di Avvento, sarà dunque un’ulteriore occasione per fare il punto sull’attenzione della chiesa diocesana all’impegno dei laici, al loro vivere il Battesimo, al loro essere Popolo di Dio, al loro abitare nel mondo con il cuore di Dio, perché non manchi a questa società complessa e contraddittoria, ma anche ricca di tante risorse e positività, il loro apporto alla costruzione del bene comune. 

Nelle parrocchie della diocesi, le varie componenti della comunità ecclesiale, il clero, i religiosi ed i laici in tutte le loro espressioni ecclesiali e le loro molteplici aggregazioni, saranno invitati a pregare e riflettere sull’identità, il ruolo e l’impegno del laicato nella chiesa e nella società di oggi; a riflettere non tanto sullo specifico della condizione laicale, quanto sulla missione dell’unico popolo di Dio, per superare ogni logica rivendicativa, e avendo di mira esclusivamente la comune sollecitudine per una chiesa che si preoccupi degli uomini e del loro mondo. 

A livello centrale è previsto, alle ore 16,30 presso la sala Bertazzoni, annessa alla chiesa Cattedrale, l’incontro dell’arcivescovo mons. Agostino Superbo con i responsabili delle Associazioni e dei Movimenti ecclesiali presenti in diocesi. Sarà questa l’occasione per affidare al laicato le conclusioni del recente Convegno ecclesiale diocesano e per consegnare la bozza dello Statuto istitutivo della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali (CDAL). La giornata si concluderà con la Celebrazione eucaristica delle 18,00 in Cattedrale, nell’ambito della quale l’Arcivescovo ordinerà quattro nuovi Diaconi permanenti (Giuseppe Calace, Giovanni Cozzi, Marco Fasulo e Franco Sassano). 

Il fondato auspicio è che, da questo rinnovato impegno della chiesa diocesana, scaturiscano temi, indicazioni e suggerimenti che aiutino a un maggiore investimento nella formazione dei fedeli laici, perché essi sappiano evitare il rischio del clericalismo e possano porre mano liberamente a un impegno di riscatto della nostra realtà sociale e civile.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Presenta FEDx

FEDx è l’acronimo di Fondi Europei Diretti, ovvero i finanziamenti a fondo perduto, dal 70% al 100%, che la Commissione Europea rende disponibili ai soggetti pubblici, associazioni, imprese, ricercatori, privati e cittadini, per raggiungere gli obiettivi approvati.
Questa tipologia di finanziamenti a fondo perduto, sono spesso confusi con i fondi europei gestiti dallo Stato e dalle Regioni, tanto da non essere conosciuti, come certificano anche i dati sul numero dei partner europei interessati a presentare proposte di attivazione, x accedere alle agevolazioni previste dai singoli Fondi Europei Diretti.
Considerato che x attivare un Fondo Europeo Diretto sono necessari almeno 3 partner in Stati europei differenti, si comprende, anche grazie alle elaborazione grafiche , che il numero potenziale dei progetti candidabili è molto basso, x alcuni anche di poche unità, sempre che tutti riescano a creare la compagine e ad inviare la richiesta di finanziamento.
La Borsa Europea www.fedx.it co…

Finanziamenti Turismo Culturale

Le varie forme di turismo culturale in Europa sono importanti motori di crescita, occupazione e sviluppo economico delle regioni europee e delle aree urbane.
Inoltre, contribuiscono, guidando la comprensione interculturale e lo sviluppo sociale in Europa attraverso la scoperta di vari tipi di patrimonio culturale, alla comprensione delle identità e dei valori delle altre persone.
Tuttavia, sebbene il turismo culturale per sua natura inviti la cooperazione regionale e locale transfrontaliera, il suo pieno potenziale di innovazione a tale riguardo non è ancora del tutto esplorato e sfruttato. Il livello di sviluppo del turismo culturale tra alcune regioni e alcuni siti è ancora squilibrato, con aree remote, periferiche o deindustrializzate che restano indietro, mentre aree ad alta domanda vengono sovrasfruttate in modo insostenibile. Le proposte dovrebbero valutare in modo comparativo in che modo la presenza, lo sviluppo, il declino o l'assenza del turismo culturale abbiano influen…