Passa ai contenuti principali

Il primo anniversario del progetto sperimentale per lo sviluppo e l'organizzazione del turismo religioso

Sviluppo ed organizzazione
del turismo religioso
Un anno fa iniziava il progetto per lo sviluppo e l’organizzazione del turismo religioso, un’idea che prendeva forma, ci sono voluti poi cinque mesi per l’approvazione in sede di Commissione Regionale per il Turismo, della Conferenza Episcopale della Basilicata, avvenuta il 18 marzo 2011.

Siamo riusciti, senza non poche difficoltà, ad avviare il progetto, tuttavia le criticità, già individuate nella fase progettuale, si sono rivelate più difficili di quanto previsto, ad iniziare dal problema delle risorse economiche, oltre ad un diffuso analfabetismo telematico ed all’assenza di una cultura partecipativa per sviluppare il turismo.
Abbiamo effettuato una prima mappatura delle Chiese che possono essere oggetto di un percorso turistico religioso, iniziando dal Comune di Potenza.

I percorsi turistici religiosi individuati a Potenza sono:

1. Cattedrale di San Gerardo
a. Museo Diocesano
b. Curia Arcivescovile
2. Cappella del Beato Bonaventura
3. Convento e Chiesa di San Francesco
4. San Michele
5. Santa Lucia
6. Santa Maria del Sepolcro

Stiamo continuando la mappatura della Chiese dell’Arcidiocesi, che possono essere oggetto di un itinerario turistico religioso, tenuto anche conto, dell’inesistenza di una precisa definizione territoriale.

I percorsi già individuati nella Provincia di Potenza, sono:

  • Avigliano (Santa Maria del Carmine, Santa Maria degli Angeli, Santa Lucia)
  • Pignola (Santa Maria Maggiore, Sant’Antonio Abate, San Rocco, Santuario del Pantano)
  • Picerno (San Nicola di Bari)
  • Balvano (Santa Maria Assunta, Convento di Sant’Antonio)
  • Muro Lucano (Sant’Andrea Apostoli)
  • Bella (San Cataldo)
  • Tito (Convento di Sant’Antonio, Antica cattedrale (Torre di Satriano)
  • Savoia di Lucania (San Nicola di Bari)
  • Brienza (Chiesa dell’Annunziata)
  • Marsico Nuovo (San Gianuario, Museo di Arte Sacra)
  • Tramutola (Santa Maria dei Miracoli)
  • Viggiano (Santuario Santa Maria del Monte)
  • altri percorsi sono in fase di definizione.

Potevamo fare di più, ma siamo felici ed entusiasti di essere riusciti ad avviare il progetto, dando già la possibilità, ai soggetti interessati, di poter almeno conoscere l’esistenza di questi percorsi turistici religiosi.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

MAGGIO 2018

Il mese di maggio si annuncia come un mese di riflessione e preghiera per il laicato potentino. Numerose le iniziative in programma.
Domenica 29 aprile con inizio alle ore 16,00 presso il monastero delle Clarisse in c.da Botte, padre Pietro Anastasi Assistente della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, presenterà, l’ultima Esortazione Apostolica di Papa Francesco Gaudete et exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.
Inoltre tutti i sabato di maggio, sul sagrato della centrale chiesa di San Michele Arcangelo con inizio alle ore 20,30 sarà proposta (come già lo scorso anno) la recita pubblica del Santo Rosario.
Inoltre nella notte del 5 maggio si rinnoverà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna diFonti (Tricarico) con partenza alle ore 2,00 dalla chiesa di San Rocco e arrivo al Santuario alle 13,00.
Nelle intenzioni degli organizzatori tutte queste iniziative, rappresenteranno altrettanti momenti di avvicinamento e preparazione …

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …