Passa ai contenuti principali

POTENZA: UN’ASSOCIAZIONE PER RICORDARE IL GRANDE CUORE DI CAROLINA D’ARAIO

Si è costituita lo scorso novembre a Potenza un’Associazione che si propone di promuovere e diffondere le capacità umane, educative e di solidarietà che hanno sempre contraddistinto la figura della professoressa Carolina D’Araio durante il suo ricco percorso di vita, nonché di onorarne la memoria.

Il sodalizio, appena costituito, si è già messo in moto con alcune iniziative, prima tra tutte la richiesta al Comune di Potenza per l’intitolazione di una strada con il nome di Carolina D’Araio. 
Inoltre, è stato bandito un concorso letterario e artistico, indirizzato prevalentemente alle scuole, ma aperto per alcune sezioni anche ad adulti. Sarà possibile partecipare con opere con tema predefinito “L'AMORE inteso come amicizia, fratellanza, solidarietà, amore per il prossimo,…”, oppure a tema libero.

La scadenza del Premio è fissata al 15.03.2012, informazioni in merito sono reperibili sul blog all’indirizzo web http://associazionecarolinadaraio.wordpress.com/

Undici i soci fondatori che hanno dato vita al sodalizio:

Pino Gentile-Presidente, Fernando Bonomo-vice- Presidente, Giuliana Trama-Segretario, Angelo Daraio- vice-Presidente e Responsabile dei rapporti con le istituzioni, Don Vincenzo Adesso-Consulente Spirituale, Danila Ridolfo-tesoriere, Novella Capoluongo-Segretaria Premio Letterario, Giuseppina Catapano-Presidente giuria del Premio letterario, Silvestro Lazzari-gestore blog sul web, Carmensita Bellettieri e Lucia Santoro-addetti stampa.

Il presidente Pino Gentile, ha espresso viva soddisfazione per la disponibilità e l’impegno di tutti i componenti, ribadendo la necessità di ricordare con iniziative sociali e culturali la nobile figura di Carolina D’Araio.

Un toccante profilo della professoressa, scomparsa nel 1999, chiaro esempio di caritas, abnegazione, disponibilità e amore verso il prossimo è stato tracciato con estrema delicatezza dal Consulente Spirituale del sodalizio, Don Vincenzo Adesso.

Info e comunicazioni: 

Carmensita Bellettieri: telefono 347 1374638 , agape07@libero.it
Lucia Santoro: telefono 349 5124460- lucesant@tiscali.it

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

MAGGIO 2018

Il mese di maggio si annuncia come un mese di riflessione e preghiera per il laicato potentino. Numerose le iniziative in programma.
Domenica 29 aprile con inizio alle ore 16,00 presso il monastero delle Clarisse in c.da Botte, padre Pietro Anastasi Assistente della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, presenterà, l’ultima Esortazione Apostolica di Papa Francesco Gaudete et exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.
Inoltre tutti i sabato di maggio, sul sagrato della centrale chiesa di San Michele Arcangelo con inizio alle ore 20,30 sarà proposta (come già lo scorso anno) la recita pubblica del Santo Rosario.
Inoltre nella notte del 5 maggio si rinnoverà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna diFonti (Tricarico) con partenza alle ore 2,00 dalla chiesa di San Rocco e arrivo al Santuario alle 13,00.
Nelle intenzioni degli organizzatori tutte queste iniziative, rappresenteranno altrettanti momenti di avvicinamento e preparazione …

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …