Passa ai contenuti principali

Festa della Famiglia a Potenza

Festa della Famiglia a Potenza
LA FAMIGLIA IERI, OGGI E DOMANI 
Domenica 12 febbraio ore 20:00

Sala Teatro delle Madri Canossiane
nel rione di S. Maria a Potenza 

L’iniziativa farà seguito alla celebrazione della Messa, che si svolgerà alle 19,00 nella stessa Sala-Teatro.

Vi aspettiamo e preghiamo di dare diffusione all’invito.

Celebrazione e spettacolo per la famiglia, in occasione della Missione popolare in corso a Potenza nelle parrocchie francescane di S. Maria del Sepolcro e di S. Michele Arcangelo.

Domani cosa sarà della famiglia? Nell’ambito della Missione Popolare in corso a Potenza nelle parrocchie francescane di S. Maria del Sepolcro e di S. Michele Arcangelo, si è data massima importanza alla dimensione familiare: i Centri del Vangelo vengono vissuti nelle case dove le famiglie vivono la loro ordinarietà, momenti specifici sono pensati per i giovani e i fidanzati in cerca della loro realizzazione, e volentieri si ascolta la voce delle famiglie che vivono nel disagio o che, messe alla prova della vita, si sono spezzate e riformate.

Attraverso la Missione popolare, le sue celebrazioni e le iniziative previste, i missionari, i parroci e gli animatori delle due comunità cristiane, vogliono dunque lanciare un appello alla fiducia e restituire alla famiglia la sua immagine di grande dono voluto da Dio.
L’attenzione alla famiglia si farà ancora più concreta nella celebrazione eucaristica di domenica 12 febbraio alle h. 19.00 presso la Sala-teatro dell’Istituto Canossiano, con il rinnovo delle promesse matrimoniali e la benedizione dei fidanzati; cui farà seguito alle h. 20.00 lo spettacolo “IERI ...OGGI...DOMANI ... IMMAGINI DI FAMIGLIA” con musiche, filmati e interviste. 

È vero che la famiglia italiana cambia a vista d'occhio e coglie impreparati genitori, nonni e figli, ma anche sociologi, psicologi e moralisti di sorta. Tutti ricordiamo quella che era, fino a pochi decenni or sono, la solida realtà della famiglia patriarcale agricola, o la famiglia borghese. 

È anche vero che oggi i numeri della crisi della famiglia appaiono sconfortanti. In venti anni i matrimoni sono passati da 317 mila all’anno a 258 mila. Il rito religioso è passato dall’87 al 71,5%, quello civile dal 13 al 28,5%. Le coppie conviventi sono oggi poco meno del 4% e le separazioni sono in crescita (da 30.899 nel 1981 a 81.744 nel 2003) così come i divorzi (da 12.606 a 43.856) e le famiglie di genitori separati o divorziati (passate da 372 mila a 653 mila). L’Italia è agli ultimi posti in Europa come numero di figli per donna (la media è di 1,32) e la nascita del primo figlio è sempre più posticipata (33 anni per gli uomini, 28 per le donne) mentre nascono sempre più figli fuori dal matrimonio (nel 1981 erano il 4,4 oggi quasi il 14%). 

Ma, appunto, domani, cosa sarà della famiglia …? Al di là della crisi (per certi aspetti anche purificatrice) di questi anni, la famiglia fondata sull’amore coniugale di un uomo e di una donna resterà sempre centro di unità, capace di tessere le relazioni umane più vere e profonde. Luogo di umanizzazione e di socializzazione per eccellenza. 

Lo spettacolo “IERI ...OGGI...DOMANI ... IMMAGINI DI FAMIGLIA” è un invito a lasciarsi catturare dalla sfida più avvincente dei nostri tempi: ridare alla famiglia il suo spazio e il suo tempo, per costruire una umanità ancora degna di questo nome, per rafforzare il tessuto di appartenenza alle proprie radici, al proprio terreno, al proprio presente e al proprio futuro.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Cattedrale di San Gerardo Potenza

Poche le notizie disponibili, e non sempre possiamo averne la certezza storica, mentre possiamo scoprire i messaggi evangelici, che il clero potentino ci ha tramandato, tramite le opere di arte sacra giunte a noi. 
La cattedrale di San Gerardo a Potenza ha subito numerose modifiche, ma possiamo ipotizzare che siano state molte di più visto che mancano ca. sei secoli, atteso che i resti più antichi risalgono ca. al VI secolo.
I primi rifacimenti radicali sono avvenuti intorno al 1200, ad opera del vescovo Bartolomeo, poi nel 1789 il vescovo Serrao la fece ricostruire più ampia. Dopo il terremoto del 1857 fu abbattuta e ridimensionata, mentre a causa di quello del 1930, negli anni ’30 furono eseguite grandi opere di restauro.
Purtroppo la violenza della seconda guerra mondiale non ha risparmiato anche la Cattedrale, tanto da essere ferita dai bombardamenti dell’8 settembre 1943, per poi essere riparata negli anni 45-50.
L’ultimo restauro è avvenuto il 1985, a seguito del violento terre…

DON PIERLUIGI VIGNOLA di POTENZA RETTORE MISSIONE CATTOLICA di AMBURGO

Il Direttore dell'Ufficio è il nuovo Rettore della Missione Cattolica di Amburgo - Germania. Il suo ingresso ufficiale è avvenuto il 23 novembre 2014, con una messa solenne presieduta dall’Arcivescovo di Amburgo S.E. Monsignor Hans-Jochen Jaschke, alla presenza del Delegato Nazionale per la Germania ed i Paesi Scandinavi P. Tobia Bassanelli, del Rev.mo Monsignor Wilm Sanders Presidente del Capitolo Metropolitano di Amburgo, di P. Sylwester Gorczyca della Diocesi di Crotone - S. Severina.
Gli italiani della Diocesi di Amburgo sono oltre 20.000, alcuni dei quali originari anche della Basilicata come il signor Giuseppe Di Mare di Oppido Lucano e fotografo ufficiale per l'occasione.
Nel suo saluto e nell'omelia l'Arcivescovo Jaschke ha rivolto parole di affetto e fraternita' a don Pierluigi, dicendo: "Saprà arrivare al cuore delle persone, soprattutto di tutti quelli che soffrono: avete veramente un grande padre e pastore”. 
Il Direttore, Don Pierluigi Vignola di…

La cappella di San Gerardo nel Duomo di Potenza

San Gerardo fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 ed è il Santo patrono della Città di Potenza, la sua ricorrenza principale è il 30 Maggio, il giorno della traslazione delle sue reliquie, ma anche il 30 ottobre, giorno della sua morte.
Le reliquie di San Gerardo sono venute alla luce nel 1250 ad opera del vescovo Orberto, che provvede a traslocare solennemente le venerate reliquie in un’apposita cappella eretta in onore del Santo.
L’altare reca lo stesso stemma araldico di mons. De Luca. Nel 1629 il vescovo Diego De Vargas, scrivendo alla Santa Sede, ricordava che il venerato corpo era custodito nel tempio, ma in luogo sconosciuto perché nascosto per timore di profanazione.
Il 26 giugno 1644 il vescovo Michele De Torres consacrò la chiesa e l’altare maggiore, sotto il quale, in un sarcofago di pietra, dell’epoca tardo romana, ripose l’urna contenente il sacro corpo.
Mons. Bartolomeo De Cesare il 18 dicembre 1817, fece la ricognizione delle reliquie che ripose in due casse. Mons. Be…