Passa ai contenuti principali

Pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna di Fonti

Pellegrinaggio Maria di Fonti
Nei momenti di difficoltà il popolo cristiano cerca e trova in Maria il vero volto della Chiesa, e chiede a Lei di nuovamente vita alla Parola di Dio, di offrire alla Parola di Dio la propria carne nel tempo presente. 

Il mese di maggio è il mese in cui questa preghiera diventa più intensa e struggente, ed è proprio in questo tempo che si svolgono i pellegrinaggi verso i luoghi mariani più cari alla pietà popolare, come il Santuario immerso nel fitto bosco di Fonti (Tricarico) a mt 824 sul livello del mare.

Da Potenza, da tempo immemorabile numerosi pellegrini rinnovano di anno in anno la loro devozione a Maria di Fonti, mediante il pellegrinaggio che ha luogo il I° sabato di maggio.

Anche quest’anno si è svolto il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei Potentini, partendo dalla Chiesa di S. Rocco alle ore 2,00 della notte tra venerdì e sabato 5 maggio.

Il cammino a piedi, di circa 30 km, prevede alcune soste di riposo, la prima verso le ore 9,00 del mattino, presso la Casa Cantoniera del Cupolicchio sulla via Appia, e la seconda alle ore 12,00 in località Tre Cancelli di Tricarico. Nell’ultimo tratto, dalla località Tre Cancelli fino al Santuario, tutti i pellegrini reciteranno il Santo Rosario, per invocare in modo particolare pace e prosperità per la Città e per l’intera comunità cristiana, perché sia preparato quel futuro di grazia, di luce e di giustizia di cui l’intera Città ha bisogno.

L’arrivo e l’ingresso festoso nel Santuario è previsto per le 13,00 a cui seguirà la celebrazione della S. Messa.

SCHEDA STORICA

Dove ora sorge il Santuario di Fonti vi sarebbe stato anticamente un roveto impenetrabile. Un mandriano, avendo smarrito una delle migliori vacche, la ritrovò piegata sulle gambe posteriori intenta a fissare l'immagine della Vergine dipinta su un muricciolo diruto e corroso.
Anticamente i fedeli, nel mese di maggio, qualunque fosse il tempo, venivano al Santuario, molti a piedi scalzi, altri a schiena di mulo o su carri agricoli, e passavano la notte in veglia nel Santuario, alternando canti e preghiere, vivendo quello che chiamano "il trapazzo", cioè la sofferenza voluta e creduta come componente essenziale della loro visita di pellegrini alla Madonna.
La tradizione di questi pellegrinaggi continua ancor oggi, secondo un ordine prestabilito, dai centri lucani di Accettura, Acerenza, Albano, Anzi, Brindisi di Montagna, Calciano, Calvello, Campomaggiore, Cancellara, Castelmezzano, Garaguso, Grassano, Irsina, Laurenzana, Oliveto Lucano, Oppido Lucano, Pietragalla, Pietrapertosa, Potenza, San Chirico Nuovo, San Mauro Forte, Tolve, Trivigno e Vaglio.
Potenza, maggio 2012
Gli organizzatori

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

Parrocchia di Gesù Maestro, Macchia Romana, Potenza

Da domenica 24 giugno a domenica 1 luglio si svolgerà a Potenza la festa della Parrocchia di Gesù Maestro, posta al centro del nuovo e popoloso quartiere di Macchia Romana, ed affidata alle cure di don Michele Celiberti, della famiglia dei Discepoli. 
Lo scopo della festa, il cui titolo generale è Il “LA PARROCCHIA: UNA COMPAGNIA AFFIDABILE” è quello di far vivere una esperienza di chiesa gioiosa e accogliente, attraverso una serie di varie e articolate iniziative di cultura, amicizia, preghiera e animazione del tempo libero.