Passa ai contenuti principali

Incentivi economici per sostenere il turismo sociale dei lucani emigrati all'estero

Incentivi economici per gli
emigranti lucani all'estero
Si informa che l'Ufficio Internazionalizzazione e Promozione dell’Immagine del Dipartimento Presidenza della Giunta Regionale della Regione Basilicata, ha emanato la "Direttiva per la concessione di incentivi a sostegno del turismo sociale riservata a favore di gruppi lucani emigrati provenienti da paesi europei ed extraeuropei"

I Beneficiari sono le Associazioni e le Federazioni dei Lucani all’Estero, agenzie di viaggio, operatori turistici singoli o associati, organizzazioni senza scopo di lucro, scuole pubbliche o private, soggetti privati che organizzino, per gruppi di lucani emigrati provenienti da paesi europei e extraeuropei, soggiorni in strutture ricettive ubicate in località rientranti nel territorio della Regione Basilicata.

Le agevolazioni previste per il turismo sociale per gruppi lucani emigrati provenienti da paesi europei ed extraeuropei, composti da almeno 25 persone e per un minimo di due pernottamenti, sono le seguenti:

sul mezzo di trasporto: € 1.000,00 per gruppi di lucani emigrati o discendenti di lucani emigrati, provenienti da paesi europei o extraeuropei;

sul documento di viaggio: del 25% sul valore del documento di viaggio per i lucani emigrati o discendenti di lucani emigrati provenienti da paesi extraeuropei e/o europei e comunque per un importo rimborsabile non superiore a € 250.000 riferito ad ogni biglietto di viaggio.

sulla permanenza: € 10,00 a persona per pernottamento di ogni lucano emigrato o discendente di lucani emigrati, provenienti da paesi extraeuropei e/o europei.

sui servizi: € 200,00 a gruppo per animazione folk lucano, assistenza interprete turistico, campionatura prodotti enogastronomici tipici lucani, gadget di artigianato lucano, pubblicazioni di pregio sulla Basilicata turistica.

I soggetti interessati possono presentare istanza all’Ufficio Internazionalizzazione e Promozione dell’Immagine del Dipartimento Presidenza della Giunta Regionale - Via Vincenzo Verrastro n. 4 - 85100 POTENZA.

Maggiori informazioni:

Dr. Rocco MESSINA
Telefono 0971/66.8186 - fax 0971 51430 - rocco.messina@regione.basilicata.it

P.O. Rocco ROMANIELLO
Telefono 0971/66.8896 - fax 0971 51430 - rocco.romaniello@regione.basilicata.it

Angela M.P. TANCREDI
Telefono 0971/66.8201 - fax 0971 51430 - angela.tancredi@regione.basilicata.it

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

MAGGIO 2018

Il mese di maggio si annuncia come un mese di riflessione e preghiera per il laicato potentino. Numerose le iniziative in programma.
Domenica 29 aprile con inizio alle ore 16,00 presso il monastero delle Clarisse in c.da Botte, padre Pietro Anastasi Assistente della Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, presenterà, l’ultima Esortazione Apostolica di Papa Francesco Gaudete et exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.
Inoltre tutti i sabato di maggio, sul sagrato della centrale chiesa di San Michele Arcangelo con inizio alle ore 20,30 sarà proposta (come già lo scorso anno) la recita pubblica del Santo Rosario.
Inoltre nella notte del 5 maggio si rinnoverà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dei potentini alla Madonna diFonti (Tricarico) con partenza alle ore 2,00 dalla chiesa di San Rocco e arrivo al Santuario alle 13,00.
Nelle intenzioni degli organizzatori tutte queste iniziative, rappresenteranno altrettanti momenti di avvicinamento e preparazione …

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

Chiesa S.S. Anna e Gioacchino a Potenza

Il terremoto del 23 Novembre 1980 ha reso necessari i lavori di ristrutturazione della chiesa che era stata inaugurata il 23 dicembre 1956.
Per l’occasione si è inteso rielaborare gli spazi e disegnare le vetrate sulla base della riflessione conciliare del Vaticano II.
Il Vaticano II, infatti, ha orientato la Chiesa alla lettura dei segni dei tempi e del territorio quali dimensioni teologiche dell’interpretazione e della realizzazione del Regno di Dio.