Passa ai contenuti principali

IL CONCILIO DAVANTI A NOI


A cinquant’ anni di distanza, un evento che ha ancora molto da dire alla Chiesa e al Mondo 


Mercoledì 5 dicembre 2012 - ore 19,00
Sala dell’Arco del Palazzo di Città - Piazza Matteotti, Potenza

A distanza di mezzo secolo dall’inizio del Concilio Vaticano II, un sacerdote cattolico (don Cesare Covino, Assistente diocesano di Azione Cattolica) e un intellettuale laico (il prof. Giuseppe Biscaglia, Vicepresidente dell’Associazione ‘Basilicata 1799’) si confrontano intorno all’eredità viva, e tuttora incompiuta, di uno degli eventi più importanti della storia contemporanea. L’appuntamento è fissato a Potenza per mercoledì 5 dicembre, ore 19,00 presso la Sala dell’Arco del Palazzo di Città, in Piazza Matteotti. L’incontro sarà introdotto dal Sindaco di Potenza ing. Vito Santarsiero e dalla Presidente diocesana di Ac Felicita Covino, e concluso da mons. Agostino Superbo, Arcivescovo di Potenza. 

Il Concilio torna a essere di attualità perché non solo ispira incessantemente nella Chiesa un modo di pensare più evangelico e solidale con l’umanità intera, ma continua a suscitare grandi attese e speranze nelle coscienze laiche interessate al superamento degli aspetti di condanna e di reciproca esclusione che per secoli erano stati il termine di paragone nel rapporto Chiesa-Mondo 

Tra le molte e complesse interpretazioni (da un lato le tesi progressiste della rottura e discontinuità con il passato, e all’estremità opposta quelle tradizionaliste, con la decisa resistenza a ogni forma di innovazione), sarà proposta una lettura non ideologica dei documenti conciliari, interpretando la “tradizione” come realtà vivente e come processo in evoluzione, ed evidenziando soprattutto l’impatto nel vissuto concreto di questi cinquant’anni di vita della Chiesa e le tumultuose trasformazioni del mondo, all’interno delle quali il Concilio pare ancora capace di indicare le vie da percorrere. 

Con questo incontro l’Azione Cattolica di Potenza apre una seria di iniziative che intendono favorire la ricerca e il dialogo sincero tra alcune personalità di area cattolica e altre non di appartenenza confessionale, sull’esempio delle esperienze in atto in tutta Europa che vanno sotto il nome di “cortile del gentili”. 

Dinanzi alle tensioni e ai conflitti originati dal modo in cui procede l’unificazione economica del mondo, le divisioni tra credenti e non credenti costituiscono l’ostacolo forse più grande all’unificazione del genere umano, e soprattutto a quella spirituale. Di qui la necessità di un nuovo confronto con il fatto religioso, oltre i limiti storici dell’eredità illuministica, tornando a intrecciare culture e sensibilità diverse. 

Il Delegato di Ac della Zona di Potenza
Giancarlo Grano

PROGRAMMA DEI LAVORI

Saluti Vito Santarsiero, Sindaco della Città di Potenza

Coordina Piero Bongiovanni, Presidente Ac Parrocchia S. Michele Arcangelo (Pz)

Interventi
Cesare Covino, Assistente Diocesano di Ac e Parroco di S. Rocco
Giuseppe Biscaglia,Vicepresidente Associazione “Basilicata 1799”
Conclude Agostino Superbo, Arcivescovo di Potenza - Muro Lucano - Marsiconuovo

TUTTI SONO INVITATI

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Cattedrale di San Gerardo Potenza

Poche le notizie disponibili, e non sempre possiamo averne la certezza storica, mentre possiamo scoprire i messaggi evangelici, che il clero potentino ci ha tramandato, tramite le opere di arte sacra giunte a noi. 
La cattedrale di San Gerardo a Potenza ha subito numerose modifiche, ma possiamo ipotizzare che siano state molte di più visto che mancano ca. sei secoli, atteso che i resti più antichi risalgono ca. al VI secolo.
I primi rifacimenti radicali sono avvenuti intorno al 1200, ad opera del vescovo Bartolomeo, poi nel 1789 il vescovo Serrao la fece ricostruire più ampia. Dopo il terremoto del 1857 fu abbattuta e ridimensionata, mentre a causa di quello del 1930, negli anni ’30 furono eseguite grandi opere di restauro.
Purtroppo la violenza della seconda guerra mondiale non ha risparmiato anche la Cattedrale, tanto da essere ferita dai bombardamenti dell’8 settembre 1943, per poi essere riparata negli anni 45-50.
L’ultimo restauro è avvenuto il 1985, a seguito del violento terre…

DON PIERLUIGI VIGNOLA di POTENZA RETTORE MISSIONE CATTOLICA di AMBURGO

Il Direttore dell'Ufficio è il nuovo Rettore della Missione Cattolica di Amburgo - Germania. Il suo ingresso ufficiale è avvenuto il 23 novembre 2014, con una messa solenne presieduta dall’Arcivescovo di Amburgo S.E. Monsignor Hans-Jochen Jaschke, alla presenza del Delegato Nazionale per la Germania ed i Paesi Scandinavi P. Tobia Bassanelli, del Rev.mo Monsignor Wilm Sanders Presidente del Capitolo Metropolitano di Amburgo, di P. Sylwester Gorczyca della Diocesi di Crotone - S. Severina.
Gli italiani della Diocesi di Amburgo sono oltre 20.000, alcuni dei quali originari anche della Basilicata come il signor Giuseppe Di Mare di Oppido Lucano e fotografo ufficiale per l'occasione.
Nel suo saluto e nell'omelia l'Arcivescovo Jaschke ha rivolto parole di affetto e fraternita' a don Pierluigi, dicendo: "Saprà arrivare al cuore delle persone, soprattutto di tutti quelli che soffrono: avete veramente un grande padre e pastore”. 
Il Direttore, Don Pierluigi Vignola di…

La cappella di San Gerardo nel Duomo di Potenza

San Gerardo fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 ed è il Santo patrono della Città di Potenza, la sua ricorrenza principale è il 30 Maggio, il giorno della traslazione delle sue reliquie, ma anche il 30 ottobre, giorno della sua morte.
Le reliquie di San Gerardo sono venute alla luce nel 1250 ad opera del vescovo Orberto, che provvede a traslocare solennemente le venerate reliquie in un’apposita cappella eretta in onore del Santo.
L’altare reca lo stesso stemma araldico di mons. De Luca. Nel 1629 il vescovo Diego De Vargas, scrivendo alla Santa Sede, ricordava che il venerato corpo era custodito nel tempio, ma in luogo sconosciuto perché nascosto per timore di profanazione.
Il 26 giugno 1644 il vescovo Michele De Torres consacrò la chiesa e l’altare maggiore, sotto il quale, in un sarcofago di pietra, dell’epoca tardo romana, ripose l’urna contenente il sacro corpo.
Mons. Bartolomeo De Cesare il 18 dicembre 1817, fece la ricognizione delle reliquie che ripose in due casse. Mons. Be…