Passa ai contenuti principali

Lo stemma di Papa Francesco I

“miserando atque eligendo”

LO SCUDO
Nei tratti, essenziali, il Papa Francesco ha deciso di conservare il suo stemma anteriore, scelto fin dalla sua consacrazione episcopale e caratterizzato da una lineare semplicità.

Lo scudo blu è sormontato dai simboli della dignità pontificia, uguali a quelli voluti dal predecessore Benedetto XVI (mitra collocata tra chiavi decussate d’oro e d’argento, rilegate da un cordone rosso).

In alto, campeggia l’emblema dell’ordine di provenienza del Papa, la Compagnia di Gesù: un sole raggiante e fiammeggiante caricato dalle lettere, in rosso, IHS, monogramma di Cristo. La lettera H è sormontata da una croce; in punta, i tre chiodi in nero.

In basso, si trovano la stella e il fiore di nardo. La stella, secondo l’antica tradizione araldica, simboleggia la Vergine Maria, madre di Cristo e della Chiesa; mentre il fiore di nardo indica San Giuseppe, patrono della Chiesa universale. Nella tradizione iconografica ispanica, infatti, San Giuseppe è raffigurato con un ramo di nardo in mano. Ponendo nel suo scudo tali immagini, il Papa ha inteso esprimere la propria particolare devozione verso la Vergine Santissima e San Giuseppe.

IL MOTTO
Il motto del Santo Padre Francesco è tratto dalle Omelie di San Beda il Venerabile, sacerdote(Om. 21; CCL 122, 149-151), il quale, commentando l’episodio evangelico della vocazione di San Matteo, scrive: “Vidit ergo lesus publicanum et quia miserando atque eligendo vidit, ait illi Sequere me” (Vide Gesù un pubblicano e siccome lo guardò con sentimento di amore e lo scelse, gli disse: Seguimi).

Questa omelia è un omaggio alla misericordia divina ed è riprodotta nella Liturgia delle Ore della festa di San Matteo. Essa riveste un significato particolare nella vita e nell'itinerario spirituale del Papa. Infatti, nella festa di San Matteo dell'anno 1953, il giovane Jorge Bergoglio sperimentò, all’età di 17 anni, in un modo del tutto particolare, la presenza amorosa di Dio nella sua vita. In seguito ad una confessione, si sentì toccare il cuore ed avvertì la discesa della misericordia di Dio, che con sguardo di tenero amore, lo chiamava alla vita religiosa, sull'esempio di Sant'Ignazio di Loyola.

Una volta eletto Vescovo, S.E. Mons. Bergoglio, in ricordo di tale avvenimento che segnò gli inizi della sua totale consacrazione a Dio nella Sua Chiesa, decise di scegliere, come motto e programma di vita, l'espressione di San Beda miserando atque eligendo, che ha inteso riprodurre anche nel proprio stemma pontificio.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Edicola Votiva di Maria

Si informa che è possibile contribuire alla realizzazione dell'opera di arte sacra, che sarà affissa in Largo d'Errico il 30 ottobre 2018, in occasione della Consacrazione a Maria della Città e della Diocesi di Potenza, che concluderà la Peregrinatio dell’icona della Madonna di Viggiano. 
In tale occasione tutti saremo invitati a prendere coscienza del ruolo di Maria e della sua insostituibile missione materna. La Peregrinatio e la Consacrazione non dovranno quindi ridursi a momenti consolatori o devozionistici.
Il laicato e il popolo potentino dovranno prepararsi ad accogliere Maria come Madre, ed in Lei riconoscere la maternità della Chiesa. Accogliere Maria come Madre dell’umanità deve comportare un fattivo impegno di conversione individuale e collettiva, per costruire una società più fraterna e solidale, riconoscendo ugualmente tutti gli uomini come figli della comune Madre.

CONSACRAZIONE DELLA CITTÀ E DELLA DIOCESI DI POTENZA AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

Proposte e primo appuntamento di preparazione sabato 6 ottobre
Dopo la preparazione “remota”che abbiamo avviato nei mesi scorsi, vogliamo aiutarci a vivere nel modo migliore l’evento di grazia della Consacrazione, prevista in piazza Mario Pagano il prossimo 30 ottobre.
San Luigi Maria Grignon de Montfort suggerisce, a questo proposito, di pregare ogni giorno, per tutto il mese che precede la Consacrazione!
L’ideale sarebbe la recita quotidiana del Rosario e la partecipazione alla Santa Messa, concludendo infine con la celebrazione del sacramento della Riconciliazione … ma in ogni caso suggeriamo di tener conto almeno dei seguenti suggerimenti operativi.  Anzitutto seguire la pagina Facebook (chiamata appunto CONSACRAZIONE DELLA CITTÀ DI POTENZA A MARIA) raggiungibile con https://www.facebook.com/consacrazione/ con la quale sarà proposto, ogni giorno, un testo di preghiera di una decina di minuti, da utilizzare personalmente, o (meglio ancora) come famiglie.Inoltre tutti insieme dar…

Consacrazione della Città di Potenza al Cuore Immacolato di Maria

Chi ben comincia è a metà dell'opera! Il delegato alla raccolta delle offerte, Rocco Chiriaco, ha comunicato che abbiamo raccolto per l'installazione dell''opera d'arte a ricordo della imminente Consacrazione della Città di Potenza al Cuore Immacolato di Maria, la cifra di € 2.235,00 .
Oltre ad alcune offerte da parte di donatori anonimi, abbiamo finora registrato significativi contributi da parte dei seguenti movimenti: Rinnovamento nello SpiritoAdorazione PerpetuaMovimento AzzurroUnitalsiPecore in mezzo ai lupiO.F.S. PotenzaTotus TuusAlerConfraternita del Carmine VincenzianeCentro Aiuto alla VitaMovimento per la VitaLegio MariaeComunione e LiberazionePotenza +Donazioni singole anonime
Grazie per questa prima testimonianza di comunione e solidarietà ... Con un piccolo sforzo di tutti raggiungeremo la cifra prefissata, ed il di più sarà dato in beneficenza.
Possiamo far riferimento, per le altre contribuzioni di singoli donatori o di movimenti ecclesiali, non solo …