Passa ai contenuti principali

Auguri di una Santa Pasqua di Risurrezione


“Riceverete la forza dello Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra”
Atti 1,8 )

Siamo ormai giunti a celebrare la Settimana Santa, l’invito è affidarsi sempre più allo Spirito di Dio, perché è lui che sostiene la nostra fede, quella fede che è una dimensione fondamentale perché sta alla base di ogni discorso su Dio, ma anche perché rappresenta una basilare dimensione umana.

Senza quella fede umana che chiamiamo fiducia non riusciremmo ad avere relazioni importanti, come le relazioni di amore o di amicizia: se dico di amare una persona, ovviamente mi fido di lei; se tale fiducia manca, verrà meno anche l’amore.

Non solo le relazioni personali significative sono intessute di fede, ma anche tutta la rete di relazioni sociali si basa infatti su quella fondamentale fiducia umana che si avvicina molto alla fede: la persona che non sa ragionevolmente fidarsi del prossimo vive una pessima vita. È questa fiducia di fondo nella vita che anima anche la ricerca di senso di tante persone, ricerca che trova il suo compimento nella fede in Dio.

La ricerca che abita il cuore umano è un inizio della fede e trova con gioia il suo compimento nella fede cristiana: da credente, scopro infatti che il mio credere in Dio realizza pienamente anche le mie più profonde aspirazioni umane; nel momento in cui mi professo cristiano scopro che ciò non rinnega la mia umanità ma la rende più autentica.

Una tale fede insegna a vedere diversamente le cose: il rapporto con Dio, infatti, dà un senso diverso a ciò che viviamo, ci permette di avere uno sguardo diverso su tutta la realtà. Sta, quindi, ad ognuno di noi mettere la volontà di camminare, l’alzarsi di buon mattino, la ricerca desiderosa della vetta più bella che è quella della santità.

Siamo consapevoli che anche noi cristiani di oggi abbiamo le stesse paure della Chiesa primitiva, della Chiesa nascente, ma siamo certi che il Signore con il dono del suo Spirito e forti della Risurrezione, ha già dissipato ogni paura per poter essere anche noi, sempre più, testimoni del Risorto per tutti coloro che vogliono intraprendere il cammino.

Aff.me in Cristo auguri di una Santa Pasqua di Risurrezione
Don Pierluigi, Patrizio e tutti i membri dell’Ufficio

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Festività di Sant'Antonio a Potenza

Festività di Sant'Antonio a Potenza C.da Sant'Antonio La Macchia 11 - 12 - 13 Giugno 2011
Programma religioso (31 - 12 giugno)
ore 17.45, Santa Messa e Tredicina
Lunedi 13 Giugno: ore 8.30 - 10.00 - 11.30 Santa Messa 
Il Pane sarà benedetto dopo la Messa delle ore 8.30
Ore 18.00 - Processione per le Vie della Contrada, al termine Santa Messa (piazzale antistante la Chiesa)
dal 19 giugno al 28 agosto: ore 20.30: Santa Messa
Programma civile:

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

L’ “esplosione” odierna del tempo libero

Oggi, cambiando i ritmi lavorativi e aumentando la disponibilità anche finanziaria per gli aspetti al di là della “sopravvivenza”, il tempo libero è esploso come un fenomeno sempre più grande e presente nella nostra vita, sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. 
Inoltre per molte persone esso sta diventando l'unico spazio in cui esse cercano una certa quale realizzazione, visto il sempre minore significato “realizzante” del lavoro e della carriera, e in genere di tutti gli altri momenti della vita (famiglia compresa). 
Questo è particolarmente vero per i giovani che, senza più progetti di studio o lavoro, né ideali politici o sociali, e sempre più distaccati da famiglia e comunità religiosa (che li coinvolgono infatti sempre meno), si tuffano nel tempo libero come àncora di salvezza. 
Ma è anche vero che gli anziani, liberi ormai da doveri professionali e spesso anche di famiglia, diventano i “professionisti” del tempo libero, anche se sovente, non preparati prima, non…