Passa ai contenuti principali

Concorso di Fotografia: La Famiglia, un Miracolo che si ripete ogni giorno

La fotografia è una disciplina che non ha uguali, ci permette di catturare momenti preziosi e di immortalarne per sempre la bellezza.

Per rendere omaggio a questa forma d'arte, il Comitato organizzatore della Festa della Parrocchia Gesù Maestro (Quartiere di Macchia Romana) di Potenza, prevista dal 23 al 30 giugno 2013, invita a partecipare al concorso fotografico sul tema “LA FAMIGLIA: UN MIRACOLO CHE SI RIPETE OGNI GIORNO” 

Obiettivi. Lo scopo del Concorso è quello di sensibilizzare alla bellezza della famiglia, originaria comunità di vita e di amore tra i coniugi e luogo di accoglienza della vita e di incontro tra le generazioni, evidenziandone la capacità di offrire cura e protezione, di infondere speranza e fiducia, di dare conforto nelle situazioni difficili. 

Requisiti. Il Concorso è rivolto ai fotoamatori interessati a mostrare, attraverso i loro scatti e la loro creatività, immagini e momenti preziosi della vita familiare nei suoi volti e nelle sue varie espressioni, e soprattutto le emozioni che la famiglia riesce a suscitare. Le opere possono essere candidate solo da parte dei rispettivi autori, i quali con la partecipazione garantiscono di possedere ogni diritto su di esse, e sollevano l’organizzazione da responsabilità e oneri di ogni genere che dovessero essere sostenuti a causa del loro contenuto. Le foto potranno essere foto-ritoccate solo leggermente. Non sono ammessi fotomontaggi o manipolazioni 

Modalità. La partecipazione è libera e gratuita. Ogni partecipante può presentare fino ad un massimo di tre scatti, stampati in colore o B/N su carta fotografica opaca, in formato A4. Sul retro di ciascuna foto deve essere riportato il titolo dell’opera, insieme al nome e al recapito telefonico dell’autore. La partecipazione al Concorso comporta l’accettazione delle clausole comprese nel presente Regolamento. 

Termini. Saranno ammesse al concorso solo le foto direttamente consegnate a mano, o pervenute a mezzo posta, inderogabilmente entro sabato 22 giugno presso l’esercizio dello sponsor della iniziativa PHOTOGRAFICA STUDIO con sede in Potenza, via Giovanni XXIII 47/A, che rilascerà apposita ricevuta. 

Giuria. L’organizzazione nominerà una Giuria formata da tre esperti, con il compito di individuare, a giudizio insindacabile, le foto da esporre in Mostra e da premiare. 

Mostra. La Giuria selezionerà anzitutto una foto per ogni partecipante, da esporre in una Mostra collettiva durante le giornate della festa. La Mostra sarà allestita nei locali della Parrocchia e sarà introdotta da una breve cerimonia inaugurale. 

Premiazione. La Giuria individuerà le 3 (tre) opere vincitrici che saranno nel corso di una cerimonia conclusiva che riceveranno i seguenti premi in palio: 

- 1° Classificato: buono del valore di € 50,00 da utilizzare presso lo sponsor della iniziativa 
- 2° Classificato: buono del valore di € 30,00 da utilizzare presso lo sponsor della iniziativa 
- 3° Classificato: buono del valore di € 20,00 da utilizzare presso lo sponsor della iniziativa 

Restituzione. Al termine della festa le opere pervenute saranno restituite agli autori. La organizzazione non risponderà di eventuali loro furti o danneggiamenti. 

Informazioni. Ulteriori informazioni presso il responsabile del Comitato organizzatore Giancarlo Grano (337.422963), o anche presso lo sponsor della iniziativa PHOTOGRAFICA STUDIO (0971.4445679) info@photograficastudio.org .

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Cattedrale di San Gerardo Potenza

Poche le notizie disponibili, e non sempre possiamo averne la certezza storica, mentre possiamo scoprire i messaggi evangelici, che il clero potentino ci ha tramandato, tramite le opere di arte sacra giunte a noi. 
La cattedrale di San Gerardo a Potenza ha subito numerose modifiche, ma possiamo ipotizzare che siano state molte di più visto che mancano ca. sei secoli, atteso che i resti più antichi risalgono ca. al VI secolo.
I primi rifacimenti radicali sono avvenuti intorno al 1200, ad opera del vescovo Bartolomeo, poi nel 1789 il vescovo Serrao la fece ricostruire più ampia. Dopo il terremoto del 1857 fu abbattuta e ridimensionata, mentre a causa di quello del 1930, negli anni ’30 furono eseguite grandi opere di restauro.
Purtroppo la violenza della seconda guerra mondiale non ha risparmiato anche la Cattedrale, tanto da essere ferita dai bombardamenti dell’8 settembre 1943, per poi essere riparata negli anni 45-50.
L’ultimo restauro è avvenuto il 1985, a seguito del violento terre…

DON PIERLUIGI VIGNOLA di POTENZA RETTORE MISSIONE CATTOLICA di AMBURGO

Il Direttore dell'Ufficio è il nuovo Rettore della Missione Cattolica di Amburgo - Germania. Il suo ingresso ufficiale è avvenuto il 23 novembre 2014, con una messa solenne presieduta dall’Arcivescovo di Amburgo S.E. Monsignor Hans-Jochen Jaschke, alla presenza del Delegato Nazionale per la Germania ed i Paesi Scandinavi P. Tobia Bassanelli, del Rev.mo Monsignor Wilm Sanders Presidente del Capitolo Metropolitano di Amburgo, di P. Sylwester Gorczyca della Diocesi di Crotone - S. Severina.
Gli italiani della Diocesi di Amburgo sono oltre 20.000, alcuni dei quali originari anche della Basilicata come il signor Giuseppe Di Mare di Oppido Lucano e fotografo ufficiale per l'occasione.
Nel suo saluto e nell'omelia l'Arcivescovo Jaschke ha rivolto parole di affetto e fraternita' a don Pierluigi, dicendo: "Saprà arrivare al cuore delle persone, soprattutto di tutti quelli che soffrono: avete veramente un grande padre e pastore”. 
Il Direttore, Don Pierluigi Vignola di…

La cappella di San Gerardo nel Duomo di Potenza

San Gerardo fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 ed è il Santo patrono della Città di Potenza, la sua ricorrenza principale è il 30 Maggio, il giorno della traslazione delle sue reliquie, ma anche il 30 ottobre, giorno della sua morte.
Le reliquie di San Gerardo sono venute alla luce nel 1250 ad opera del vescovo Orberto, che provvede a traslocare solennemente le venerate reliquie in un’apposita cappella eretta in onore del Santo.
L’altare reca lo stesso stemma araldico di mons. De Luca. Nel 1629 il vescovo Diego De Vargas, scrivendo alla Santa Sede, ricordava che il venerato corpo era custodito nel tempio, ma in luogo sconosciuto perché nascosto per timore di profanazione.
Il 26 giugno 1644 il vescovo Michele De Torres consacrò la chiesa e l’altare maggiore, sotto il quale, in un sarcofago di pietra, dell’epoca tardo romana, ripose l’urna contenente il sacro corpo.
Mons. Bartolomeo De Cesare il 18 dicembre 1817, fece la ricognizione delle reliquie che ripose in due casse. Mons. Be…