Passa ai contenuti principali

“L’uomo alla scoperta del suo destino tra creazione ed evoluzione:appunti di storia della Filosofia ”

di
D.Dente- F. Nacci- F. Fusaro - M.A. Del Grosso – R. Cerrato – A. Ciliberti 

Sabato 8 Giugno 2013 
Sala del Campanile 
Palazzo Loffredo, Potenza.

Ore 18.00 - 20.00

Testimonial: Prof. Luciano Lupo 

Programma dei lavori:

Ore 18.15 : Ouverture Antonella Sofi

Coordina Francesco Fasolino

Dibattito

Ringrazia : Angela Granata

Concludono

Salvatore Accardo e le Sue Poesie
Mario Bochicchio e le Sue Vignette di Satira

Spunti di riflessione 

“Se mai scopriremo una teoria completa, col tempo essa dovrà essere comprensibile nei suoi principi generali a chiunque, e non solo a pochi scienziati. 

E allora tutti, filosofi, scienziati e gente comune, saremo in grado di partecipare alla discussione sul perché noi e l’universo esistiamo. Se riusciremo a trovare la risposta a questa domanda, avremo decretato il trionfo definitivo della ragione umana: giacchè allora conosceremo davvero la mente di Dio”! 

Ma con la recentissima “cattura” della “particella di Dio”, il mistero continua ad arricchirsi di altri nascosti significati che rendono intricata e complessa la teoria e turbano l’animo e i pensieri della moltitudine delle persone. 

da “L’uomo alla scoperta del suo destino tra creazione ed evoluzione: appunti di storia della Filosofia ” 
(dal mito alla darwinolatria) 

Una “paideia” come terapia per i mali di oggi: Intellege, ut credas – Crede, ut intellegas.

Note biografiche 

Donato Dente, Prof di ruolo. Associato per l’insegnamento di Storia della Scuola presso la Facoltà di Scienze della Formazione e per l’insegnamento di Pedagogia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Salerno. 

Francesco Nacci, conosce i problemi della scuola da lui vissuta come professore di Filosofia, Preside, Ispettore tecnico, docente nell’Università degli Studi di Salerno e della Basilicata. La laurea in filosofia e la 
formazione filosofica gli consentono di leggere la scuola attraverso una pedagogia avanzata e innovativa. La laurea in giurisprudenza e la pratica forense gli consentono di leggerla con gli strumenti giuridici che mettono sotto le lenti dell’esperto le incongruenze della cosiddetta pedagogia ministeriale che qualche volta produce danni irreversibili. 

Francesco Fusaro, Dirigente Scolastico, già Prof di Educazione Comparata presso la Facoltà di Scienze Comparata dell’Università degli Studi di Salerno, ha al suo attivo diverse ricerche di cultura educativa, storico/sociale. 

Maria Antonietta Del Grosso, docente di materie letterarie nei Licei; dottore di ricerca in Storia economica, studiosa di Storia del Mezzogiorno e delle Istituzioni scolastiche a cui ha dedicato molti saggi. 

Rosa Cerrato, docente di filosofia e storia nei licei, collaboratrice presso la cattedra di Storia della Scuola 
dell’Università di Salerno e incaricata dal Prof Dente nelle ricerche presso gli archivi statali, privati ed ecclesiastici nella regione Campania. 

Annemilia Ciliberti, docente di lettere latine e greche presso il Liceo Classico Statale”M.T. Cicerone” di Sala Consilina.Offre la sua collaborazione a importanti riviste pedagogiche, quali Il Nodo, con articoli di notevole spessore.

Maggiori informazioni: Centro Studi Erasmo da Rotterdam

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Assemblea Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali

Anche voi, dunque, alzate lo sguardo e guardate ‘fuori’, guardate   ai molti ‘lontani’ del nostro mondo, alle tante famiglie in difficoltà e bisognose di misericordia, ai tanti campi di apostolato ancora non esplorati … Abbiamo bisogno di laici ben formati, animati da una fede schietta e limpida, la cui vita è stata toccata dall’incontro personale e misericordioso con l’amore di Cristo Gesù.
Abbiamo bisogno di laici che rischino, che si sporchino le mani, che non abbiano paura di sbagliare, che vadano avanti. Laici con visione del futuro, non chiusi nelle piccolezze della vita … Laici col sapore di esperienza della vita, che osano sognare”. Papa Francesco, 17.6.2016 Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per i Laici
Carissimi amici e fratelli nel Signore, domenica 25 novembre vivremo, come ogni anno, la festa di Cristo Re, stringendoci attorno al nostro Pastore.
Questo il programma dell’Assemblea, che avrà come tema conduttore ispirato al desiderio di Papa Francesco: Percorrere …

Finanziamenti Turismo Culturale

Le varie forme di turismo culturale in Europa sono importanti motori di crescita, occupazione e sviluppo economico delle regioni europee e delle aree urbane.
Inoltre, contribuiscono, guidando la comprensione interculturale e lo sviluppo sociale in Europa attraverso la scoperta di vari tipi di patrimonio culturale, alla comprensione delle identità e dei valori delle altre persone.
Tuttavia, sebbene il turismo culturale per sua natura inviti la cooperazione regionale e locale transfrontaliera, il suo pieno potenziale di innovazione a tale riguardo non è ancora del tutto esplorato e sfruttato. Il livello di sviluppo del turismo culturale tra alcune regioni e alcuni siti è ancora squilibrato, con aree remote, periferiche o deindustrializzate che restano indietro, mentre aree ad alta domanda vengono sovrasfruttate in modo insostenibile. Le proposte dovrebbero valutare in modo comparativo in che modo la presenza, lo sviluppo, il declino o l'assenza del turismo culturale abbiano influen…

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …