Passa ai contenuti principali

Potenza nel culto di San Gerardo tra devozione, riti e tradizioni

L’Associazione Culturale Portatori del Santo apre la sua XVI edizione con le attività de “I Portatori a scuola”, progetto mirato a promuovere la cultura potentina, divulgare la conoscenza della storia della nostra città e delle nostre tradizioni e sensibilizzare le nuove generazioni alla festa del Santo Patrono.

Il grande successo che l'iniziativa riscontra di anno in anno, ha portato l'Associazione ad inserire in questa edizione un importante elemento innovativo: oltre alla visita guidata della cattedrale, possibile grazie alla collaborazione con l’Ufficio Diocesano per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport, i bambini parteciperanno ad una visita guidata in tutto il Centro Storico di Potenza.

Durante il percorso saranno accompagnati da Rosario Avigliano, guida turistica abilitata, e dai Portatori del Santo, alla scoperta della nostra storia raccontata attraverso i luoghi più caratteristici di Via Pretoria, dei suoi vicoli suggestivi e delle sue Chiese.

La visita si terrà sabato 11 maggio a partire dalle ore 9.00 e coinvolgerà alcuni allievi delle sedi di Via Tirreno e via Bramante dell'Istituto Comprensivo “Lorenzo Milani Pz Quarto”.

L'itinerario “Potenza nel culto di San Gerardo tra devozione, riti e tradizioni” sarà il seguente:

1. Porta Salza (passando per la chiesa di San Michele)
Presentazione della visita, con riferimento anche alla “Parata dei Turchi”
Il Conte di Potenza Alfonso De Guevara entra in Città dalla Porta Salza.
Una grande rievocazione storica di 450 anni fa, simulando una grande battaglia fra il mondo cristiano e quello musulmano.
Miti personaggi e simboli nella Parata dei Turchi
L’ambientazione Cinquecentesca nella Parata dei Turchi

2. Piazza Mario Pagano (lato Teatro Stabile)
Potenza nell’Ottocento: lo sviluppo edilizio e demografico a partire dal 1806
La nuova Piazza Mercato
L’ambientazione Ottocentesca nella Parata dei Turchi


3. Piazza Mario Pagano (lato San Francesco)
Le Chiese dalla SS Trinità, San Francesco e San Michele
La Via Publica, la via più antica di Potenza
L’ambientazione medioevale nella Parata dei Turchi

4. Porta di San Giovanni
Potenza ai tempi di San Gerardo: caratteristiche urbanistiche ed edilizie
Le Porte medievali: Porta San Giovanni e Porta San Gerardo

5. Piazza Matteotti
Il culto del Santo Patrono nella Potenza Ottocentesca
La Parata dei Turchi
I riti, i simboli, i festeggiamenti, le processioni
Il Tempietto di San Gerardo

6. Largo Duomo, Cattedrale di San Gerardo
Il Culto e la leggenda di Sant’Aronzio prima di Gerardo La Porta da Piacenza
Gerardo La Porta, Vescovo di Potenza dal 1111 al 1119, proclamato Santo vox populi
I miracoli di San Gerardo nelle leggende e nella devozione Popolare
Breve cenno sulle origini e sulle caratteristiche architettoniche della Cattedrale

7. Cattedrale di San Gerardo
Viaggio tra gli affreschi e i tesori della nostra cattedrale, fino alla scoperta della cripta.
Alla fine del percorso i bambini si confronteranno con i Portatori del Santo che raccoglieranno le loro idee e i suggerimenti per rendere il progetto “I Portatori a Scuola” ancora più coinvolgente.

A tutti i bambini sarà regalato il fumetto realizzato dall'associazione con la storia della Parata dei Turchi e di San Gerardo.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Edicola Votiva di Maria

Si informa che è possibile contribuire alla realizzazione dell'opera di arte sacra, che sarà affissa in Largo d'Errico il 30 ottobre 2018, in occasione della Consacrazione a Maria della Città e della Diocesi di Potenza, che concluderà la Peregrinatio dell’icona della Madonna di Viggiano. 
In tale occasione tutti saremo invitati a prendere coscienza del ruolo di Maria e della sua insostituibile missione materna. La Peregrinatio e la Consacrazione non dovranno quindi ridursi a momenti consolatori o devozionistici.
Il laicato e il popolo potentino dovranno prepararsi ad accogliere Maria come Madre, ed in Lei riconoscere la maternità della Chiesa. Accogliere Maria come Madre dell’umanità deve comportare un fattivo impegno di conversione individuale e collettiva, per costruire una società più fraterna e solidale, riconoscendo ugualmente tutti gli uomini come figli della comune Madre.

CONSACRAZIONE DELLA CITTÀ E DELLA DIOCESI DI POTENZA AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

Proposte e primo appuntamento di preparazione sabato 6 ottobre
Dopo la preparazione “remota”che abbiamo avviato nei mesi scorsi, vogliamo aiutarci a vivere nel modo migliore l’evento di grazia della Consacrazione, prevista in piazza Mario Pagano il prossimo 30 ottobre.
San Luigi Maria Grignon de Montfort suggerisce, a questo proposito, di pregare ogni giorno, per tutto il mese che precede la Consacrazione!
L’ideale sarebbe la recita quotidiana del Rosario e la partecipazione alla Santa Messa, concludendo infine con la celebrazione del sacramento della Riconciliazione … ma in ogni caso suggeriamo di tener conto almeno dei seguenti suggerimenti operativi.  Anzitutto seguire la pagina Facebook (chiamata appunto CONSACRAZIONE DELLA CITTÀ DI POTENZA A MARIA) raggiungibile con https://www.facebook.com/consacrazione/ con la quale sarà proposto, ogni giorno, un testo di preghiera di una decina di minuti, da utilizzare personalmente, o (meglio ancora) come famiglie.Inoltre tutti insieme dar…

Consacrazione della Città di Potenza al Cuore Immacolato di Maria

Chi ben comincia è a metà dell'opera! Il delegato alla raccolta delle offerte, Rocco Chiriaco, ha comunicato che abbiamo raccolto per l'installazione dell''opera d'arte a ricordo della imminente Consacrazione della Città di Potenza al Cuore Immacolato di Maria, la cifra di € 2.235,00 .
Oltre ad alcune offerte da parte di donatori anonimi, abbiamo finora registrato significativi contributi da parte dei seguenti movimenti: Rinnovamento nello SpiritoAdorazione PerpetuaMovimento AzzurroUnitalsiPecore in mezzo ai lupiO.F.S. PotenzaTotus TuusAlerConfraternita del Carmine VincenzianeCentro Aiuto alla VitaMovimento per la VitaLegio MariaeComunione e LiberazionePotenza +Donazioni singole anonime
Grazie per questa prima testimonianza di comunione e solidarietà ... Con un piccolo sforzo di tutti raggiungeremo la cifra prefissata, ed il di più sarà dato in beneficenza.
Possiamo far riferimento, per le altre contribuzioni di singoli donatori o di movimenti ecclesiali, non solo …