Passa ai contenuti principali

Perdonare i propri nemici è un “unicum” del messaggio evangelico.

Il Perdono è lo specifico del cristiano. Perdonare i propri nemici è un “unicum” del messaggio evangelico. Bisogna avere idee chiare sull’argomento, cosa che mi è capitato di trovare raramente.

Negli scritti del card. Bergoglio, che ho letto con gran gusto, c’è una precisazione sul tema che mi è particolarmente piaciuta e che vi offro volentieri. Parla del perdono nel contesto della riconciliazione nazionale dell’Argentina dopo l’ultima dittatura militare; il problema è scottante.


Gesù è tremendo sul tema: non arretra di un passo e lo fa con esempi concreti. Dopo aver subito ogni specie di angherie riesce ad esclamare “Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno”. In qualche modo è riuscito a trovare una scusa per poterli perdonare. “Se il tuo nemico ha fame dagli da mangiare, se ha sete, dagli da bere, facendo questo il suo viso arderà di vergogna”. Chi non ha vergogna è un “Svergognato”. Però non dice “dimentica”, “mettici una pietra sopra”, no! Dimenticare è impossibile. Piuttosto mi preoccupo di mettere pace nel mio cuore e chiedo a Dio di perdonare chi mi ha offeso.

Il perdono deve andare insieme ad altre due azioni: pentimento e riparazione. Se uno mi ha offeso io devo perdonarlo, ma questa persona riceverà davvero il perdono solo se si pentirà e riparerà il danno inflitto. Se, chi mi ha offeso non si pente, il perdonato è fuori gioco. Una cosa è concedere il perdono e una cosa è avere la capacità di riceverlo. La stessa cosa vale per la riparazione. Il ladro non solo deve essere perdonato ma deve pentirsi e restituire il bottino del suo furto.

Bergoglio porta l’esempio calzante di Wojtyla nei confronti del suo attentatore. Il Papa è andato in carcere a portagli il suo perdono ma Ali Agca non ha assolutamente presentato sentimenti di pentimento, anzi era stupito come non fosse morto dal momento che “il mio grilletto non fallisce mai”.


Credo che il tema può interessarci tutti non soltanto come coloro che devono perdonare ma anche come coloro che devono pentirsi , ricevere il perdono e riparare. È più facile perdonare che farsi perdonare. Pietro non avrebbe avuto nessuna difficoltà a lavare i piedi al Maestro, fu invece un problema farseli lavare. Anche la riparazione è un problema da prendere sul serio soprattutto per quanto riguarda la critica, la maldicenza su cose infondate che diventano calunnie che , se sono materia grave, costituiscono un vero peccato grave di cui è necessario pentirsi e riparare.

Quanto scritto potete trovarlo nel volume “Il nuovo Papa racconta se stesso” Salani. Pag 129-140



Commenti

Partner tecnico :

  • Assistenza Anziani H24 - Gli iscritti possono attivare l'assistenza H24 per gli anziani, con vitto e alloggio, da parte di una badante certificata dall'Associazione ASSI.
  • FINANZIAMENTI EUROPEI - Sono numerose le call disponibili, tuttavia, il territorio non sempre è nella condizione di poterle intercettare e provare ad attivare nuove iniziative. T...
  • INNOVAZIONE TECNOLOGICA E CULTURALE - La tecnologia Google consente la facile introduzione di numerose innovazioni tecnologiche e culturali, tuttavia, una serie di fattori, che possiamo anche d...
  • IDEE STARTUP - Abbiamo definito 7 asset strategici per avviare numerose idee startup, con un grado di sviluppo differente, anche in funzione delle maggiori o minori resi...

contenuti popolari...

Altare principale Cattedrale di San Gerardo Potenza

L’altare di Santa Maria Assunta è stato realizzato da Bastelli Giuseppe nel 1739, ai lati fanno da corona scene del vangelo, dipinte ad olio e tempera su maschite dal pittore Onofrio Bramante nel 1980.
Salendo sull'altare, sulla sinistra è possibile vedere, in alto la scena della pesca miracolosa, in basso le beatitudini. Sulla destra, invece, in alto la crocifissione di Gesù, in basso Gesù che dividi il pane con gli apostoli.
La prima scena del vangelo rappresentata nell'abside, cominciando da sinistra, raffigura un Angelo, tenuto conto della vicinanza alla seconda, quella della natività, è riferita all’angelo che ha annunziato a Maria il concepimento di Gesù.
La terza scena rappresenta la strage degli innocenti, in cui Erode il Grande, re della Guidea, ordina un massacro di bambini allo scopo di uccidere Gesù, della cui nascita a Betlemme era stato informato dai Magi.
La quarta è la presentazione di Gesù al tempio, un episodio dell’infanzia di Gesù. Maria e Giuseppe portaro…

VIA CRUCIS DELLA FAMIGLIA 31 marzo 2017

Si svolgerà venerdì 31 marzo la Via Crucis cittadina organizzata dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali dell’Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo. L’iniziativa, presieduta dall’Arcivescovo mons. Salvatore Ligorio, avrà inizio dal Largo di Santa Lucia alle 17,30 e raggiungerà la Cattedrale intorno alle 19,00.  Attraverso le tradizionali “Stazioni” previste lungo via Pretoria, in Piazza Mario Pagano, Piazza Matteotti, Piazzetta Maffei, Largo Pignatari e Largo Duomo, saranno ripercorse idealmente le tappe dell’estremo sacrificio del Cristo, proponendo una parallela riflessione sulle croci fisiche e morali di cui sono oggi caricate le famiglie di oggi. Da quelle più intime e quotidiane, frutto del difficile accordo tra i coniugi, o delle preoccupazioni per la crescita e il futuro dei figli; fino a quelle provocate dalla disattenzione delle istituzioni che non sostengono la famiglia nel sempre più difficile compito di generazione, educazione, cura della vita e delle relazio…