Passa ai contenuti principali

Perdonare i propri nemici è un “unicum” del messaggio evangelico.

Il Perdono è lo specifico del cristiano. Perdonare i propri nemici è un “unicum” del messaggio evangelico. Bisogna avere idee chiare sull’argomento, cosa che mi è capitato di trovare raramente.

Negli scritti del card. Bergoglio, che ho letto con gran gusto, c’è una precisazione sul tema che mi è particolarmente piaciuta e che vi offro volentieri. Parla del perdono nel contesto della riconciliazione nazionale dell’Argentina dopo l’ultima dittatura militare; il problema è scottante.


Gesù è tremendo sul tema: non arretra di un passo e lo fa con esempi concreti. Dopo aver subito ogni specie di angherie riesce ad esclamare “Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno”. In qualche modo è riuscito a trovare una scusa per poterli perdonare. “Se il tuo nemico ha fame dagli da mangiare, se ha sete, dagli da bere, facendo questo il suo viso arderà di vergogna”. Chi non ha vergogna è un “Svergognato”. Però non dice “dimentica”, “mettici una pietra sopra”, no! Dimenticare è impossibile. Piuttosto mi preoccupo di mettere pace nel mio cuore e chiedo a Dio di perdonare chi mi ha offeso.

Il perdono deve andare insieme ad altre due azioni: pentimento e riparazione. Se uno mi ha offeso io devo perdonarlo, ma questa persona riceverà davvero il perdono solo se si pentirà e riparerà il danno inflitto. Se, chi mi ha offeso non si pente, il perdonato è fuori gioco. Una cosa è concedere il perdono e una cosa è avere la capacità di riceverlo. La stessa cosa vale per la riparazione. Il ladro non solo deve essere perdonato ma deve pentirsi e restituire il bottino del suo furto.

Bergoglio porta l’esempio calzante di Wojtyla nei confronti del suo attentatore. Il Papa è andato in carcere a portagli il suo perdono ma Ali Agca non ha assolutamente presentato sentimenti di pentimento, anzi era stupito come non fosse morto dal momento che “il mio grilletto non fallisce mai”.


Credo che il tema può interessarci tutti non soltanto come coloro che devono perdonare ma anche come coloro che devono pentirsi , ricevere il perdono e riparare. È più facile perdonare che farsi perdonare. Pietro non avrebbe avuto nessuna difficoltà a lavare i piedi al Maestro, fu invece un problema farseli lavare. Anche la riparazione è un problema da prendere sul serio soprattutto per quanto riguarda la critica, la maldicenza su cose infondate che diventano calunnie che , se sono materia grave, costituiscono un vero peccato grave di cui è necessario pentirsi e riparare.

Quanto scritto potete trovarlo nel volume “Il nuovo Papa racconta se stesso” Salani. Pag 129-140



Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA

Venerdì 9 giugno i responsabili del laicato cattolico della Diocesi di Potenza, e gli iscritti e simpatizzanti della Scuola Diocesana di Formazione all’Impegno Sociale e Politico, si danno appuntamento a Potenza alle ore 17:00, presso la Casa del Volontariato, in via Sicilia (ex sede Ipias) per un convegno sul tema: VERSO LA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA, NUOVE IDEE E BUONE PRASSI PER INNOVARE LE POLITICHE URBANE.
L’iniziativa della Consulta delle Aggregazioni Laicali e dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, vuol essere anche un momento di studio offerto ai politici e agli amministratori locali con l’obiettivo di rilanciare la famiglia come elemento centrale nella società. 
Dopo il saluto di s.e. Salvatore Ligorio Arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo e del presidente di ANCI Basilicata Salvatore Adduce, la relazione sarà sviluppata dal dott. Roberto Bolzonaro, uno dei massimi esperti in materia di politiche familiari, attualmente membro dell’Osservatorio Nazionale su…

PEREGRINATIO RELIQUIA S. CHIARA

Le Clarisse di Potenza ed i Frati Minori Prov. Salernitano-Lucana ed i Parroci di Potenza, hanno predisposto un intenso programma per la "Peregrinatio della Reliquia di Santa Chiara.
Domenica 27 Marzo, alle ore 18:00 presso la Cattedrale di Potenza, ci sarà l'accoglienza della Reliquia di Santa Chiara proveniente da Assisi, con la Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Mons. Agostino Superbo, Arcivescovo Metropolita di Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo.
Maggiori informazioni:
Monastero Clarisse Santa Chiara C.da Botte - Potenza Tel. 0971.945036 clarissebasilicata@virgilio.it
Convento Frati Minori Santa Maria del Sepolcro Piazza A. Moro - Potenza Tel. 0971.36838 anastasin@libero.it
Scarica il programma completo