Passa ai contenuti principali

La cappella di San Gerardo nel Duomo di Potenza

San Gerardo fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 ed è il Santo patrono della Città di Potenza, la sua ricorrenza principale è il 30 Maggio, il giorno della traslazione delle sue reliquie, ma anche il 30 ottobre, giorno della sua morte.

Le reliquie di San Gerardo sono venute alla luce nel 1250 ad opera del vescovo Orberto, che provvede a traslocare solennemente le venerate reliquie in un’apposita cappella eretta in onore del Santo.

L’altare reca lo stesso stemma araldico di mons. De Luca. Nel 1629 il vescovo Diego De Vargas, scrivendo alla Santa Sede, ricordava che il venerato corpo era custodito nel tempio, ma in luogo sconosciuto perché nascosto per timore di profanazione.

Il 26 giugno 1644 il vescovo Michele De Torres consacrò la chiesa e l’altare maggiore, sotto il quale, in un sarcofago di pietra, dell’epoca tardo romana, ripose l’urna contenente il sacro corpo.

Mons. Bartolomeo De Cesare il 18 dicembre 1817, fece la ricognizione delle reliquie che ripose in due casse. Mons. Bertazzoni le trasferì definitivamente sotto l’altare del santo.

La scultura di San Gerardo risale al XV secolo, ma è stata restaurata nel 1880.

Il vescovo Manfredi descrisse la tomba come meta di devoti pellegrinaggi dei fedeli della diocesi, a seguito dei tanti miracoli che aveva fatto. In alto alla cappella è possibile vedere uno dei miracoli di San Gerardo, presumibilmente a Santa Maria.


San Gerardo si era recato in visita Pastorale nell'attuale rione di Santa Maria, ma faceva molto caldo ed i fedeli erano assetati, allora trasformò in vino l'acqua che usciva da una fontanella.

La cancellata in ferro della cappella all'ingresso è opera d’ignoto meridionale, datata 1846.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

Parrocchia di Gesù Maestro, Macchia Romana, Potenza

Da domenica 24 giugno a domenica 1 luglio si svolgerà a Potenza la festa della Parrocchia di Gesù Maestro, posta al centro del nuovo e popoloso quartiere di Macchia Romana, ed affidata alle cure di don Michele Celiberti, della famiglia dei Discepoli. 
Lo scopo della festa, il cui titolo generale è Il “LA PARROCCHIA: UNA COMPAGNIA AFFIDABILE” è quello di far vivere una esperienza di chiesa gioiosa e accogliente, attraverso una serie di varie e articolate iniziative di cultura, amicizia, preghiera e animazione del tempo libero.