Passa ai contenuti principali

La cupola della Cattedrale di San Gerardo a Potenza

Nella cupola della Cattedrale di San Gerardo a Potenza c’è la Gloria del Padre Eterno con il popolo lucano che è presentato da San Gerardo alla Vergine Assunta.

Alla base della cupola c'è un affresco della facciata della Cattedrale con il Vescovo Mon. Bertazzoni in preghiera ed i canonici, alla sinistra appare la Chiesa di San Michele con i frati e San Giovanni Bosco, con il popolo in processione ed i Santi Francesco d’Assisi, Nicola, Luci, Rocco ed Aronzio. 

Nei quattro pennacchi ci sono i 4 evangelisti:

SAN MATTEO, raffigurato anziano e barbuto, ha come emblema un angelo che lo ispira o gli guida la mano mentre scrive il vangelo. E' il patrono di banchieri, bancari, doganieri, guardie di finanza, cambiavalute, ragionieri, contabili ed esattori. Le reliquie sono custodite nella cripta della Cattedrale di Salerno.

SAN GIOVANNI, raffigurato artisticamente con il simbolo dell’aquila, attribuitogli in quanto, con la sua visione nel Libro dell’Apocalisse, avrebbe contemplato la Vera Luce del Verbo, come descritto nel Prologo del suo Vangelo: così come l'aquila, si riteneva, può fissare direttamente la luce solare. La tradizione gli attribuisce un ruolo speciale all'interno della cerchia dei dodici apostoli: compreso nel ristretto gruppo includente anche Pietro e Giacomo, lo identifica con “il discepolo che Gesù amava" 

SAN LUCA è il santo patrono degli artisti e dei medici. Il nome è probabilmente abbreviazione di Lucano, vi nacque come pagano, ma diventò proselita o quanto meno simpatizzante della religione ebraica. Un'antica tradizione cristiana dice che Luca fu il primo iconografo (descrizione, classificazione e interpretazione di quanto raffigurato nelle opere d'arte) e che dipinse quadri di Maria, di Pietro e San Paolo. Per questa motivazione deriva il patronato degli artisti. Dante lo definì lo “scriba della mansuetudine di Cristo” per il predominio, nel suo Vangelo, di immagini di mitezza, di gioia e di amore. 

SAN MARCO fu discepolo dell’apostolo Paolo, ed in seguito di Pietro. Poco o nulla si sa della sua giovinezza e della sua famiglia. Il simbolo di San Marco è il leone, perché il suo Vangelo inizia con la voce di San Giovanni Battista che, nel deserto, si eleva simile a un ruggito, preannunciando agli uomini la venuta del Cristo. Secondo un'antichissima tradizione delle Venezie, un angelo in forma di leone alato, avrebbe preannunciato al Santo, naufrago nelle lagune, che in quelle terre avrebbe trovato un giorno riposo e venerazione il suo corpo. 

Autore dell'articolo:
Pinnarò Patrizio
segretario dell'Ufficio Diocesano per la Pastorale del Turismo
Arcidiocesi di Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo
La riproduzione del testo è consentita con la citazione della fonte.

Commenti

Partner tecnico :

  • Assistenza Anziani H24 - Gli iscritti possono attivare l'assistenza H24 per gli anziani, con vitto e alloggio, da parte di una badante certificata dall'Associazione ASSI.
  • FINANZIAMENTI EUROPEI - Sono numerose le call disponibili, tuttavia, il territorio non sempre è nella condizione di poterle intercettare e provare ad attivare nuove iniziative. T...
  • INNOVAZIONE TECNOLOGICA E CULTURALE - La tecnologia Google consente la facile introduzione di numerose innovazioni tecnologiche e culturali, tuttavia, una serie di fattori, che possiamo anche d...
  • IDEE STARTUP - Abbiamo definito 7 asset strategici per avviare numerose idee startup, con un grado di sviluppo differente, anche in funzione delle maggiori o minori resi...

contenuti popolari...

VIA CRUCIS DELLA FAMIGLIA 31 marzo 2017

Si svolgerà venerdì 31 marzo la Via Crucis cittadina organizzata dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali dell’Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo. L’iniziativa, presieduta dall’Arcivescovo mons. Salvatore Ligorio, avrà inizio dal Largo di Santa Lucia alle 17,30 e raggiungerà la Cattedrale intorno alle 19,00.  Attraverso le tradizionali “Stazioni” previste lungo via Pretoria, in Piazza Mario Pagano, Piazza Matteotti, Piazzetta Maffei, Largo Pignatari e Largo Duomo, saranno ripercorse idealmente le tappe dell’estremo sacrificio del Cristo, proponendo una parallela riflessione sulle croci fisiche e morali di cui sono oggi caricate le famiglie di oggi. Da quelle più intime e quotidiane, frutto del difficile accordo tra i coniugi, o delle preoccupazioni per la crescita e il futuro dei figli; fino a quelle provocate dalla disattenzione delle istituzioni che non sostengono la famiglia nel sempre più difficile compito di generazione, educazione, cura della vita e delle relazio…

Altare principale Cattedrale di San Gerardo Potenza

L’altare di Santa Maria Assunta è stato realizzato da Bastelli Giuseppe nel 1739, ai lati fanno da corona scene del vangelo, dipinte ad olio e tempera su maschite dal pittore Onofrio Bramante nel 1980.
Salendo sull'altare, sulla sinistra è possibile vedere, in alto la scena della pesca miracolosa, in basso le beatitudini. Sulla destra, invece, in alto la crocifissione di Gesù, in basso Gesù che dividi il pane con gli apostoli.
La prima scena del vangelo rappresentata nell'abside, cominciando da sinistra, raffigura un Angelo, tenuto conto della vicinanza alla seconda, quella della natività, è riferita all’angelo che ha annunziato a Maria il concepimento di Gesù.
La terza scena rappresenta la strage degli innocenti, in cui Erode il Grande, re della Guidea, ordina un massacro di bambini allo scopo di uccidere Gesù, della cui nascita a Betlemme era stato informato dai Magi.
La quarta è la presentazione di Gesù al tempio, un episodio dell’infanzia di Gesù. Maria e Giuseppe portaro…