Passa ai contenuti principali

Via Lucis a Potenza il 17 maggio 2014

I movimenti ecclesiali della città si danno appuntamento nel centro storico di Potenza per vivere insieme la Via Lucis. L’iniziativa avrà inizio alle ore 18,00 di sabato 17 maggio nella chiesa Cattedrale e si svolgerà lungo l’intera via Pretoria, per concludersi intorno alle 20,00 nel larghetto della chiesa di S. Lucia.

La Via Lucis sarà proposta come un percorso simmetrico e complementare a quello della croce: quattordici stazioni (dal sepolcro vuoto, primo segno della Pasqua, alla Pentecoste, suo frutto primordiale) per rappresentare in maniera esemplare la vita di ciascuna persona e la vicenda stessa dell’intera comunità degli uomini, in questi anni travagliati, intessuti di oscurità e di sofferenza, ma anche di segni di speranza e di  gioia, anticipazione di quella Luce senza fine che attende l’umanità nel tempo oltre la storia.

In una città che sembra aver perso il respiro della speranza e della solidarietà, la Via Lucis esprimerà la gioia pasquale e la fede in Cristo, centro della vita del mondo.

Attraverso questa esperienza i movimenti ecclesiali e le comunità parrocchiali della nostra città riaffermeranno che l'ultima parola non è quella del nulla e delle tenebre, ma quella della luce. Che la storia non è un assurdo. Che agli innocenti che soffrono e agli oppressi dei sotterranei della storia è aperta una prospettiva di luce. Che la passione e la morte stimolano la carità come risposta.

La Madonna della Pasqua che ci guiderà lungo la Via Lucis, sia ispiratrice e compagna di viaggio anche nelle scelte che come cittadini a breve saremo chiamati a compiere per il bene comune e per il futuro della nostra città!

Vi aspettiamo e chiediamo di dare diffusione al presente avviso. Grazie a tutti!

 p. Pietro Anastasio e Giancarlo Grano

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

Parrocchia di Gesù Maestro, Macchia Romana, Potenza

Da domenica 24 giugno a domenica 1 luglio si svolgerà a Potenza la festa della Parrocchia di Gesù Maestro, posta al centro del nuovo e popoloso quartiere di Macchia Romana, ed affidata alle cure di don Michele Celiberti, della famiglia dei Discepoli. 
Lo scopo della festa, il cui titolo generale è Il “LA PARROCCHIA: UNA COMPAGNIA AFFIDABILE” è quello di far vivere una esperienza di chiesa gioiosa e accogliente, attraverso una serie di varie e articolate iniziative di cultura, amicizia, preghiera e animazione del tempo libero.