Passa ai contenuti principali

Giornata Mondiale del Turismo 2014

Il 27 settembre, con il tema “Turismo e sviluppo comunitario”, si celebra la Giornata Mondiale del Turismo, promossa come ogni anno dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT). Consapevole dell’importanza sociale ed economica del turismo nel momento attuale, la Santa Sede vuole accompagnare questo fenomeno dall’ambito che le è proprio, in particolare nel contesto dell’evangelizzazione. 

Nel suo Codice Etico Mondiale, l’OMT afferma che il turismo deve essere un’attività benefica per le comunità di destinazione: “Le popolazioni locali saranno partecipi delle attività turistiche, e ne condivideranno in modo equo i benefici economici, sociali e culturali, in particolare per quanto attiene alla creazione diretta e indiretta di occupazione”. Ciò vuol dire instaurare tra le due realtà una relazione di reciprocità, che porti ad un mutuo arricchimento. 

La nozione di “sviluppo comunitario” è strettamente legata ad un concetto più ampio che è parte della dottrina sociale della Chiesa, quello cioè di “sviluppo umano integrale”, a partire dal quale leggiamo e interpretiamo il primo. A questo riguardo sono illuminanti le parole di Papa Paolo VI, che nell’enciclica Populorum progressio affermava che “lo sviluppo non si riduce alla semplice crescita economica. Per essere sviluppo autentico, dev’essere integrale, il che vuol dire volto alla promozione di ogni uomo e di tutto l’uomo”.

Come può il turismo contribuire a questo sviluppo? Per rispondere a questa domanda, lo sviluppo umano integrale e, di conseguenza, lo sviluppo comunitario nel campo del turismo devono essere diretti al conseguimento di un progresso equilibrato che sia sostenibile e rispettoso di tre ambiti: economico, sociale e ambientale, intendendo con ciò tanto la sfera ecologica quanto il contesto culturale.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

UNA NUOVA ALLEANZA TRA FAMIGLIA & WELFARE: per riequilibrare il sistema dei servizi sociali

La riflessione politica e la preghiera sono segni distintivi del nostro essere cittadini e credenti, per questo ricordiamo l'appuntamento di Venerdì 12 maggio p.v..
Vivremo, come esponenti del laicato cattolico e cittadini che hanno a cuore le sorti della famiglia, un nuovo, importante incontro della nostra Scuola socio-politica.
La lezione stavolta è affidata al dott. Marco Gìordano, Presidente della Federazione nazionale "Progetto Famiglia" su "UNA NUOVA ALLEANZA TRA FAMIGLIA & WELFARE: per riequilibrare il sistema dei servizi sociali".