Passa ai contenuti principali

NON SOLO HALLOWEEN

Restituiamo ai nostri figli il senso cristiano di questa festa






Trick or treat? Scherzetto o dolcetto?
Il mercato ha ormai imposto questa domanda all'attenzione dei consumatori globali, trascinando con sé rituali e travestimenti fino a dieci anni fa inusitati nel nostro Paese. E così ogni fine ottobre, nelle famiglie italiane, torna un interrogativo previo: vietare o lasciar correre? Un interrogativo che i genitori cristiani sentono talvolta più pungente, per la banalizzazione della morte e lo scippo delle feste di questo periodo che Halloween porta con sé, sebbene fin dall’origine del nome - derivante da All Hallow’s Eve, ‘vigilia di tutti i Santi’ - risuoni esplicito il riferimento alla celebrazione della Chiesa trionfante che, almeno dal 731, è collocata al 1° novembre. Ma quel richiamo originario si è paganizzato e corrotto fino a rendere irriconoscibile il volto religioso della ricorrenza.
È quasi impossibile blindare la mente dei figli da ciò che la cultura dominante ha sdoganato con tanto entusiasmo.
Piuttosto che opporre silenzi risentiti o dinieghi assoluti, perché allora non approfittare del carnevale delle zucche per tramandare alle nuove generazioni il senso delle nostre feste, quelle cristiane? Possediamo una verità, non una leggenda, da comunicare loro.
La censura non paga, anzi rischia di scatenare un interesse ancor più acceso. Intendiamoci: è giusto diffidare di Halloween se la ‘festa' dà troppa confidenza al macabro, all’occulto, alla superstizione, tanto più se diamo credito’ e in questo campo sì che non c'è da scherzare ‘all'idea che dietro il suo apparato scenografico si nasconda il potere delle lobby esoteriche’. Il più delle volte, però, le richieste dei figli sono innocenti. E l’usanza di passare in cerca di bon-bon per le case del quartiere o le scale del condominio - scortati da adulti, certo - può perfino risultare gradita a qualche vicino solo.
Setacciare il ‘buono’ e il ‘cattivo’ di questa tradizione non più estranea alla nostra società, pertanto, è già un primo lavoro educativo che si può utilmente sbrigare in famiglia. Ma per i genitori cristiani c’è un altro aspetto essenziale da salvaguardare: la proposta alternativa, che in questo caso significa riandare alla certezza dell'eternità.
Sarebbe comunque una resa lasciare in mano ai venditori di cadaverini e maschere horror l'iniziativa di ‘spiegare’ ai nostri figli il significato della morte. Su questo terreno non possiamo non accompagnarli. A chi giova bandire lo zombie di Halloween se si ha paura di andare insieme al cimitero? Che senso ha che i bambini imparino a memoria i nomi di tutti i ‘signori delle tenebre’ che compaiono su giocattoli e carte magiche, se non sanno ricordare quelli dei loro parenti che riposano in attesa della Risurrezione? Non siamo talora proprio noi, adulti battezzati, refrattari per primi a parlare di croci, trapassi e anime destinate al Paradiso? Altro che “poverini, i piccoli ‘'impressionano”. Ben venga allora Halloween se dà occasione per vivere la Commemorazione dei defunti in modo meno superficiale. Bambini e ragazzi devono sapersi innestati nella catena ‘sacra’ di generazioni che ci ha preceduto.
In questo viaggio, Cristo ha poteri e misteri di gran lunga più stupefacenti di Jack della Lanterna. Facciamoglielo scoprire.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Assemblea Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali

Anche voi, dunque, alzate lo sguardo e guardate ‘fuori’, guardate   ai molti ‘lontani’ del nostro mondo, alle tante famiglie in difficoltà e bisognose di misericordia, ai tanti campi di apostolato ancora non esplorati … Abbiamo bisogno di laici ben formati, animati da una fede schietta e limpida, la cui vita è stata toccata dall’incontro personale e misericordioso con l’amore di Cristo Gesù.
Abbiamo bisogno di laici che rischino, che si sporchino le mani, che non abbiano paura di sbagliare, che vadano avanti. Laici con visione del futuro, non chiusi nelle piccolezze della vita … Laici col sapore di esperienza della vita, che osano sognare”. Papa Francesco, 17.6.2016 Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per i Laici
Carissimi amici e fratelli nel Signore, domenica 25 novembre vivremo, come ogni anno, la festa di Cristo Re, stringendoci attorno al nostro Pastore.
Questo il programma dell’Assemblea, che avrà come tema conduttore ispirato al desiderio di Papa Francesco: Percorrere …

Finanziamenti Turismo Culturale

Le varie forme di turismo culturale in Europa sono importanti motori di crescita, occupazione e sviluppo economico delle regioni europee e delle aree urbane.
Inoltre, contribuiscono, guidando la comprensione interculturale e lo sviluppo sociale in Europa attraverso la scoperta di vari tipi di patrimonio culturale, alla comprensione delle identità e dei valori delle altre persone.
Tuttavia, sebbene il turismo culturale per sua natura inviti la cooperazione regionale e locale transfrontaliera, il suo pieno potenziale di innovazione a tale riguardo non è ancora del tutto esplorato e sfruttato. Il livello di sviluppo del turismo culturale tra alcune regioni e alcuni siti è ancora squilibrato, con aree remote, periferiche o deindustrializzate che restano indietro, mentre aree ad alta domanda vengono sovrasfruttate in modo insostenibile. Le proposte dovrebbero valutare in modo comparativo in che modo la presenza, lo sviluppo, il declino o l'assenza del turismo culturale abbiano influen…

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …