Passa ai contenuti principali

NON SOLO HALLOWEEN

Restituiamo ai nostri figli il senso cristiano di questa festa






Trick or treat? Scherzetto o dolcetto?
Il mercato ha ormai imposto questa domanda all'attenzione dei consumatori globali, trascinando con sé rituali e travestimenti fino a dieci anni fa inusitati nel nostro Paese. E così ogni fine ottobre, nelle famiglie italiane, torna un interrogativo previo: vietare o lasciar correre? Un interrogativo che i genitori cristiani sentono talvolta più pungente, per la banalizzazione della morte e lo scippo delle feste di questo periodo che Halloween porta con sé, sebbene fin dall’origine del nome - derivante da All Hallow’s Eve, ‘vigilia di tutti i Santi’ - risuoni esplicito il riferimento alla celebrazione della Chiesa trionfante che, almeno dal 731, è collocata al 1° novembre. Ma quel richiamo originario si è paganizzato e corrotto fino a rendere irriconoscibile il volto religioso della ricorrenza.
È quasi impossibile blindare la mente dei figli da ciò che la cultura dominante ha sdoganato con tanto entusiasmo.
Piuttosto che opporre silenzi risentiti o dinieghi assoluti, perché allora non approfittare del carnevale delle zucche per tramandare alle nuove generazioni il senso delle nostre feste, quelle cristiane? Possediamo una verità, non una leggenda, da comunicare loro.
La censura non paga, anzi rischia di scatenare un interesse ancor più acceso. Intendiamoci: è giusto diffidare di Halloween se la ‘festa' dà troppa confidenza al macabro, all’occulto, alla superstizione, tanto più se diamo credito’ e in questo campo sì che non c'è da scherzare ‘all'idea che dietro il suo apparato scenografico si nasconda il potere delle lobby esoteriche’. Il più delle volte, però, le richieste dei figli sono innocenti. E l’usanza di passare in cerca di bon-bon per le case del quartiere o le scale del condominio - scortati da adulti, certo - può perfino risultare gradita a qualche vicino solo.
Setacciare il ‘buono’ e il ‘cattivo’ di questa tradizione non più estranea alla nostra società, pertanto, è già un primo lavoro educativo che si può utilmente sbrigare in famiglia. Ma per i genitori cristiani c’è un altro aspetto essenziale da salvaguardare: la proposta alternativa, che in questo caso significa riandare alla certezza dell'eternità.
Sarebbe comunque una resa lasciare in mano ai venditori di cadaverini e maschere horror l'iniziativa di ‘spiegare’ ai nostri figli il significato della morte. Su questo terreno non possiamo non accompagnarli. A chi giova bandire lo zombie di Halloween se si ha paura di andare insieme al cimitero? Che senso ha che i bambini imparino a memoria i nomi di tutti i ‘signori delle tenebre’ che compaiono su giocattoli e carte magiche, se non sanno ricordare quelli dei loro parenti che riposano in attesa della Risurrezione? Non siamo talora proprio noi, adulti battezzati, refrattari per primi a parlare di croci, trapassi e anime destinate al Paradiso? Altro che “poverini, i piccoli ‘'impressionano”. Ben venga allora Halloween se dà occasione per vivere la Commemorazione dei defunti in modo meno superficiale. Bambini e ragazzi devono sapersi innestati nella catena ‘sacra’ di generazioni che ci ha preceduto.
In questo viaggio, Cristo ha poteri e misteri di gran lunga più stupefacenti di Jack della Lanterna. Facciamoglielo scoprire.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Parrocchia di Gesù Maestro, Macchia Romana, Potenza

Da domenica 24 giugno a domenica 1 luglio si svolgerà a Potenza la festa della Parrocchia di Gesù Maestro, posta al centro del nuovo e popoloso quartiere di Macchia Romana, ed affidata alle cure di don Michele Celiberti, della famiglia dei Discepoli. 
Lo scopo della festa, il cui titolo generale è Il “LA PARROCCHIA: UNA COMPAGNIA AFFIDABILE” è quello di far vivere una esperienza di chiesa gioiosa e accogliente, attraverso una serie di varie e articolate iniziative di cultura, amicizia, preghiera e animazione del tempo libero.

Convegno Nazionale: Laureati in scienze motorie. Tra sbocco professionale, lavoro nero e risorsa educativa

20 settembre 2012 Centro Congressi CEI, Via Aurelia 796Roma Il Convegno è gratuito non è previsto alloggio e pasti.
Questa iniziativa è una prima risposta a sollecitazioni emerse nell’ambito della Scuola di Pensiero “Uno sport per l’uomo aperto all’Assoluto” e intende avviare un lavoro di riflessione sull’identità formativa e professionale del “laureato in scienze motorie” nell’ambito della riflessione sulle “figure educative” secondo la scansione degli Orientamenti Pastorali della Chiesa Italiana.