Passa ai contenuti principali

COSTRUIRE LA CITTÀ DELL’UOMO A MISURA DI FAMIGLIA

Terzo anno della Scuola di formazione all’impegno socio-politico
Venerdì 3 febbraio con la prolusione di s.e. mons. Rocco Talucci, arcivescovo emerito di Brindisi-Ostuni sul tema Costruire la città dell’uomo a misura di famiglia, avrà inizio il 3° anno della Scuola diocesana di formazione all’impegno socio-politico. 

La Scuola proseguirà con altre quattro lezioni a cadenza mensile: il 10 marzo con Gianluigi Gigli, Presidente nazionale del Movimento per la Vita; il 7 aprile con Gigi De Palo, Presidente nazionale del Forum delle Famiglie; il 12 maggio con Marco Giordano, consulente Caritas per il welfare e Presidente nazionale Federazione Progetto Famiglia; e il 9 giugno con Roberto Borzonato, oggi il massimo esperto in Italia di politiche familiari. 

Rilanciare l’attenzione sui temi della città e della famiglia appare urgente. Due realtà al cuore della Dottrina Sociale della Chiesa, ma oggi di fronte a molteplici difficoltà: la città, primo punto di riferimento istituzionale per tutti noi cittadini, vive una crisi di partecipazione, di identità e di mancanza di risorse; mentre la famiglia, a sua volta impoverita e sottoposta a poderosi attacchi, fatica a garantire il suo ruolo sociale, in termini di tenuta delle relazioni, di cura dei soggetti deboli e di mutuo sostegno. 

Per questo al termine della Scuola si prevede di avanzare concrete proposte per la crescita, l’integrazione e il benessere familiare, affinché la nostra città possa davvero definirsi “amica della famiglia”.

Ci auguriamo che le nostre comunità parrocchiali e le aggregazioni ecclesiali sappiano riprendere diretta responsabilità rispetto a questi temi, e per questo vi aspettiamo tutti, pregandovi di motivare altri amici (specialmente giovani!) a partecipare e ad iscriversi alla Scuola. 

Potenza, 16 gennaio 2017 

p. Pietro Anastasi, don Salvatore Dattero 
Giancarlo Grano, don Carmine Lamonea

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

L’ “esplosione” odierna del tempo libero

Oggi, cambiando i ritmi lavorativi e aumentando la disponibilità anche finanziaria per gli aspetti al di là della “sopravvivenza”, il tempo libero è esploso come un fenomeno sempre più grande e presente nella nostra vita, sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. 
Inoltre per molte persone esso sta diventando l'unico spazio in cui esse cercano una certa quale realizzazione, visto il sempre minore significato “realizzante” del lavoro e della carriera, e in genere di tutti gli altri momenti della vita (famiglia compresa). 
Questo è particolarmente vero per i giovani che, senza più progetti di studio o lavoro, né ideali politici o sociali, e sempre più distaccati da famiglia e comunità religiosa (che li coinvolgono infatti sempre meno), si tuffano nel tempo libero come àncora di salvezza. 
Ma è anche vero che gli anziani, liberi ormai da doveri professionali e spesso anche di famiglia, diventano i “professionisti” del tempo libero, anche se sovente, non preparati prima, non…

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

Presenta FEDx

FEDx è l’acronimo di Fondi Europei Diretti, ovvero i finanziamenti a fondo perduto, dal 70% al 100%, che la Commissione Europea rende disponibili ai soggetti pubblici, associazioni, imprese, ricercatori, privati e cittadini, per raggiungere gli obiettivi approvati.
Questa tipologia di finanziamenti a fondo perduto, sono spesso confusi con i fondi europei gestiti dallo Stato e dalle Regioni, tanto da non essere conosciuti, come certificano anche i dati sul numero dei partner europei interessati a presentare proposte di attivazione, x accedere alle agevolazioni previste dai singoli Fondi Europei Diretti.
Considerato che x attivare un Fondo Europeo Diretto sono necessari almeno 3 partner in Stati europei differenti, si comprende, anche grazie alle elaborazione grafiche , che il numero potenziale dei progetti candidabili è molto basso, x alcuni anche di poche unità, sempre che tutti riescano a creare la compagine e ad inviare la richiesta di finanziamento.
La Borsa Europea www.fedx.it co…