Passa ai contenuti principali

IL SIGNIFICATO DELL’ICONA POSTA A RICORDO DELLA CONSACRAZIONE

Ogni opera d’arte, come questa icona in maiolica policroma, opera dell’artista Felice Lovisco, realizzata a ricordo dell’evento della Consacrazione della Città, parla non solo al cuore, ma anche alla nostra mente.
Qui la Regina delle genti lucane è rappresentata mentre mostra il Bambino Gesù, non seduta in trono avvolta nel suo rivestimento aureo, ma in piedi, come segno dinamico di una Chiesa “in uscita”, con il manto aperto in segno di protezione.

Il manto della Vergine nella parte interna appare come un cielo notturno trapuntato di stelle, a significare le virtù nascoste di Maria “stella matutina”, il suo silenzio orante, la partecipazione compassionevole, l’alacre servizio, l’umile nascondimento.

All’esterno invece il manto sfolgora nel bagliore solare dell’oro, il colore della divinità, emblema della gloria e della bellezza trasfigurata di Maria la “domus aurea”, la cui luce infonde ai fedeli calore, movimento e forza per agire nel mondo da cristiani convinti e coerenti.

Originale e del tutto inedita dal punto di vista iconografico è la rappresentazione del Bambino che aiuta Maria a reggere il mantello protettivo, quasi a confermare il ruolo della Madre “auxilium christianorum” e cooperatrice di Gesù nella salvezza del genere umano.

Sotto il mantello appaiono i simboli di Potenza, affidata alla protezione della Vergine e del Figlio: la Cattedrale che rappresenta la comunità diocesana unita intorno al Patrono S. Gerardo; il Leone, figura dell’intera Città, ritratto in posa mansueta, che richiama l’antica profezia di pace “il vitello e il leone pascoleranno insieme, ed un bambino li condurrà” (Is.1,6); il Ponte Musmeci, metafora di una comunità moderna e aperta al mondo; e infine lo Stemma di Basilicata a indicare la vocazione di servizio del capoluogo chiamato a servire e mettere in relazione l’intera regione.

Una Città fedele, aperta, pacificata e al servizio dell’unità regionale: questa la profezia e l’auspicio che da christifideles laici responsabili, pensosi e operosi per il bene della comunità, ci impegniamo a costruire e con questa immagine abbiamo voluto affidare a Maria.

Commenti

Partner tecnico :

contenuti popolari...

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

Esposizione Arte Sacra dalla Passione alla Resurrezione

Inizia il 10 aprile alle 18 e durerà fino al 10 maggio 2019, la mostra di opere di Arte Sacra dedicata ad Antonio Masini, artista potentino, scoparso di recente.
Le opere sono esposte nella Cappella dei Celestini, in Largo Duomo, a Potenza.
La mostra è curata da Monsignor VitAntonio Telesca, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo.
Le immagini sono un'anteprima di alcune delle opere della collezione privata, valorizzate dalla Borsa Europea del Fondo Europeo Diretto www.fedx.it/arte .

Parrocchia di Gesù Maestro, Macchia Romana, Potenza

Da domenica 24 giugno a domenica 1 luglio si svolgerà a Potenza la festa della Parrocchia di Gesù Maestro, posta al centro del nuovo e popoloso quartiere di Macchia Romana, ed affidata alle cure di don Michele Celiberti, della famiglia dei Discepoli. 
Lo scopo della festa, il cui titolo generale è Il “LA PARROCCHIA: UNA COMPAGNIA AFFIDABILE” è quello di far vivere una esperienza di chiesa gioiosa e accogliente, attraverso una serie di varie e articolate iniziative di cultura, amicizia, preghiera e animazione del tempo libero.