Passa ai contenuti principali

Ufficio

Don Pierluigi Vignola
con S. Giovanni Paolo II
L’Ufficio per la Pastorale del Tempo libero, del Turismo e dello Sport ha come compiti principali:

a) promuovere un’adeguata riflessione sul significato culturale, sociale, etico ed ecclesiale di questi fenomeni;

b) sostenere le parrocchie, le scuole cattoliche, le associazioni, i gruppi e i movimenti nella programmazione delle attività pastorali in questi settori, compresa la promozione di pellegrinaggi;

c) coordinare le iniziative per la formazione degli animatori degli stessi settori;

d) offrire un servizio di consulenza per tutti i problemi connessi a queste attività”;

e) avviare progetti sperimentale nell'ambito delle proprie competenze.

Patrizio Pinnaro'
Segretario Ufficio

scrivi al Segretario
In particolare l’Ufficio nei tre ambiti di competenza e in collaborazione con gli Organismi di Curia competenti:

a) cura l’organizzazione di pubblicazioni e convegni;

b) coordina le iniziative diocesane, parrocchiali e dei vari enti di ispirazione cristiana operanti nei tre settori;

c) promuove la presenza in ogni zona pastorale di un responsabile coordinatore della pastorale dello sport come referente dell’Ufficio e dell’apposita Consulta diocesana;

d) cura la formazione di operatori pastorali attraverso scuole e corsi specializzati;

e) segue lo sviluppo della normativa in materia;

f) è punto di consulenza e servizio quotidiano per problemi di soggiorni, vacanze e recettività “povera” e sociale.

L’Ufficio mantiene un costante rapporto con il Centro per la Pastorale Giovanile, per quanto riguarda l’attività estiva giovanile (campeggi, case per ferie, viaggi) e l’attività sportiva.

L’Ufficio si avvale di due Consulte, entrambe presiedute dal Direttore dell’Ufficio e ciascuna con un proprio Segretario. Nel recupero di una visione cristiana integrale dell'uomo, anche nella sua dimensione terrena, il tempo libero è riscoperto come "tempo di grazia", tempo cioè di "ri - creazione" di tutti gli aspetti della persona, da quello fisico a quello intellettuale e spirituale, nelle ore "liberate"; dal lavoro e dalle altre preoccupazioni quotidiane per poter svolgere le mille possibili attività a questo scopo, non esclusi il riposo propriamente detto e la festa (specialmente se vissuta in chiave comunitaria) riscoperti come "anticipi della Festa eterna del Paradiso".

Per questo, l'Ufficio si impegna per una promozione ed un'educazione ad una tale fruizione integrale del tempo libero, sia attraverso azioni dirette (divulgazione dei documenti pontifici ed episcopali ed altri sull'argomento, formazione di operatori, assistenza "tecnica" e legale delle comunità, ecc…). sia attraverso il coordinamento delle associazioni e gruppi di ispirazione cristiana che operano nei vari settori tramite la propria Consulta.

Partner tecnico :

contenuti popolari...

Parrocchia di Gesù Maestro, Macchia Romana, Potenza

Da domenica 24 giugno a domenica 1 luglio si svolgerà a Potenza la festa della Parrocchia di Gesù Maestro, posta al centro del nuovo e popoloso quartiere di Macchia Romana, ed affidata alle cure di don Michele Celiberti, della famiglia dei Discepoli. 
Lo scopo della festa, il cui titolo generale è Il “LA PARROCCHIA: UNA COMPAGNIA AFFIDABILE” è quello di far vivere una esperienza di chiesa gioiosa e accogliente, attraverso una serie di varie e articolate iniziative di cultura, amicizia, preghiera e animazione del tempo libero.

La biografia di S.E. Augusto Bertazzoni

Mons. Augusto Bertazzoni, nato a Polesine di Pecognaga (Mantova) il 10 gennaio 1876, ordinato sacerdo-te il 25 febbraio 1899, nominato arciprete parroco di S.Benedetto Po il 30 aprile 1904, eletto vescovo di Potenza e Marsico il 30 giugno del 1930, fece il suo ingresso in diocesi il 29 ottobre 1930, ove rimase per ben 36 anni, fino al 30 novembre 1966, data delle sue dimissioni. 
Fu uno dei vescovi settentrionali posti, in quella fase, alla guida di diocesi del mezzogiorno.
Quella assegnatagli era una diocesi considerata “piccola ma importante”, alle prese con una perdurante situazione di difficoltà di governo pastorale, accentuata da cinque anni di sede vacante seguiti alla fase travagliata che si era aperta subito dopo la scomparsa di Mons.Ignazio Monterisi, un grande vescovo che aveva guidato la diocesi per tredici anni (1900-1913) con mano sicura. 
Aveva avviato un percorso di rinnovamento della chiesa potentina, proiettandola verso le nuove sfide che si profilavano all’orizzonte e, …

Chiesa S.S. Anna e Gioacchino a Potenza

Il terremoto del 23 Novembre 1980 ha reso necessari i lavori di ristrutturazione della chiesa che era stata inaugurata il 23 dicembre 1956.
Per l’occasione si è inteso rielaborare gli spazi e disegnare le vetrate sulla base della riflessione conciliare del Vaticano II.
Il Vaticano II, infatti, ha orientato la Chiesa alla lettura dei segni dei tempi e del territorio quali dimensioni teologiche dell’interpretazione e della realizzazione del Regno di Dio.